17 novembre: oggi si celebra la Giornata Mondiale della Prematurità

MeteoWeb

Si celebra oggi, 17 novembre, la Giornata Mondiale della Prematurità, celebrata ufficialmente per la prima volta in Europa il 17 novembre del 2008 mentre è dal 2011 che, a livello mondiale, si celebra il WPD (World Prematurity Day)…. una giornata dedicata a bimbi speciali la cui sopravvivenza è in costante crescita grazie al miglioramento delle cure nelle terapie intensive neonatali.

Alcuni dati. In Italia ogni anno nascono circa 40.000 neonati pretermine: 1 ogni 14 nati, equivalenti a circa 110 al giorno. I grandi pretermine, cioè quelli che nascono prima di 32 settimane, sono invece circa 5.500 all’anno, cioè 1 ogni 100. Come noto, il bambino che nasce prima di 37 settimane viene chiamato “neonato prematuro” o “neonato pretermine”, cioè nato prima del termine normale della gravidanza. I neonati pretermine non sono tutti uguali, perché quanto più breve è la gravidanza, tanto più alti sono i rischi per la loro salute. Essi vengono distinti in: “Pretermine tardivi”: i nati tra 34 e 36 settimane compiute, “Moderatamente pretermine”: i nati tra 32 e 33 settimane compiute; “Grandi pretermine”: i nati prima di 32 settimane compiute; “Estremamente pretermine”: i nati prima di 28 settimane compiute.

PREMATURIIl parto pretermine spontaneo comprende tutti i casi derivanti da travaglio insorto spontaneamente o da rottura prematura delle membrane prima dell’inizio del travaglio; mentre il parto pretermine per indicazione medica viene provocato, su consiglio del medico, per la presenza di problemi della madre o del feto stesso. Queste due categorie, tuttavia, spesso si sovrappongono e può essere difficile talvolta distinguerle l’una dall’altra. Non sono ancora state individuate le cause precise che provocano un parto prematuro anche se numerosi sono i fattori di rischio: donne con precedente parto prematuro, gravidanza gemellare, gravidanze troppo ravvicinate nel tempo (meno di 6 mesi intercorsi tra una gravidanza e l’altra), fecondazioni in vitro, problemi all’utero, alla cervice uterina o alla placenta.

PREMATURI 2Ed ancora: fumo, alcool e assunzione di droghe in gravidanza, infezioni a carico della madre che si sviluppano nel liquido amniotico o al livello del tratto genitale inferiore, condizioni patologiche croniche materne (es. ipertensione, diabete), sottopeso o sovrappeso prima di rimanere incinte, madri vittime di forti stress emotivi, donne con storia di aborto spontaneo, madri vittime di infortuni e traumi fisici, inusuale forma dell’utero. E’ di pochissimi giorni fa un’interessante iniziativa posta in essere da volontari e infermieri di un ospedale del Kansas (Usa) che ha fatto commuovere il web: proprio mentre per molti fervevano i preparativi per Halloween, questi angeli in terra hanno avuto l’idea di travestire i bimbi prematuri da supereroi, quindi da Batman, Superman, Fantastici Quattro, strappando con questo semplice ma significativo gesto un sorriso a tutte le famiglie che stanno attraversando un momento così difficile della loro vita.

Li chiamano little heroes