L’inverno avanza sul vecchio continente, forti nevicate e “scaccianeve” dalla Russia alla Svezia

MeteoWeb

E’ un vero e proprio assaggio d’inverno quello in atto in molti paesi dell’Europa settentrionale e orientale, alle prese con le prime significative nevicate di stagione. Autentiche bufere di neve nel pomeriggio di ieri si sono abbattute fra il sud della Finlandia, l’estremo settore occidentale della Russia europea e l’Estonia, dove le fitte nevicate si sono accompagnate a venti piuttosto sostenuti, provenienti da Est o E-NE. Le forti nevicate non hanno risparmiato neppure la città di San Pietroburgo che nel pomeriggio di ieri è stata colpita da un piccolo “blizzard”, con neve fine e farinosa accompagnata da sostenute raffiche di vento che hanno oltrepassato la soglia dei 40-45 km/h. Ma con picchi che localmente hanno lambito pure i 50 km/h. Questa ventilazione piuttosto sostenuta, dai quadranti orientali, soffiando sopra il manto nevoso depositato di fresco sul terreno ha prodotto il noto fenomeno dello “scaccianeve basso”.

L'intensa nevicata con "scaccianeve basso" nell'area di San Pietroburgo
L’intensa nevicata con “scaccianeve basso” nell’area di San Pietroburgo

I turbini di neve fatti sollevare dalle forti raffiche di vento. In queste condizioni la neve può essere sollevata anche per diverse decine di metri, provocando nei pressi del suolo delle drastiche riduzioni della visibilità. Per definizione dunque, se la neve viene sollevata oltre il 1,80 metri di altezza si parla di “scaccianeve basso”, mentre oltre tale soglia si tratta di “scaccianeve alto” (fenomeno comune in montagna in inverno). Difatti l’elemento saliente di ieri è stata la drastica riduzione della visibilità orizzontale, causata dallo “scaccianeve basso” originato dalla sostenuta ventilazione orientale che dalle pianure della Russia europea si propagava verso il Golfo di Finlandia e il Baltico, con raffiche che toccavano punte di oltre 40-50 km/h.

riMa in queste ore nevicate diffuse, per lo più di debole e moderata intensità, sono in atto pure su buona parte della Svezia, nel sud della Finlandia e sul nord della Danimarca. Queste nevicate di carattere diffuso, come anticipato nei giorni scorsi, sono provocate dalla risalita verso nord-est di un fronte caldo (carico di umidità), collegato alla depressione che dalla Danimarca, dopo aver attraversato il mar Baltico, si è spostata in direzione della Bielorussia e della Russia sud-occidentale. Questa circolazione depressionaria, caratterizzata da un minimo barico al suolo sceso sui 994 hpa, si è contrapposta con il modesto promontorio anticiclonico, con massimi di 1030 hpa, che dalla Lapponia si prolunga fino al nord della Russia, generando una temporanea compressione del “gradiente barico orizzontale” fra la Russia settentrionale, la Finlandia e le Repubbliche Baltiche.

Si nota l'infittimento di isobare fra fra la Russia settentrionale, la Finlandia e le Repubbliche Baltiche dove soffiano sostenuti e freddi venti orientali
Si nota l’infittimento di isobare fra fra la Russia settentrionale, la Finlandia e le Repubbliche Baltiche dove soffiano sostenuti e freddi venti orientali

Le isobare strette e concentriche della depressione sulla Bielorussia si sono addossate sopra le isobare ellittiche e decisamente più allargate presenti sul bordo meridionale dell’anticiclone esteso fra la Lapponia e la Russia settentrionale. Ciò ha causato un infittimento di isobare significativo fra la Russia sud-occidentale, il sud della Finlandia, il Golfo di Finlandia e le Repubbliche Baltiche che ha comportato l’attivazione e successiva intensificazione di un flusso di fredde correnti orientali, prevalentemente da E-NE, che dalle pianure della Russia centro-meridionale si sono dipanate verso la Finlandia, il Golfo di Finlandia e i Paesi Baltici.

Le nevicate diffuse di queste ore in Europa
Le nevicate diffuse di queste ore in Europa

In tale contesto l’aria piuttosto mite e umida in scorrimento in quota, al traverso del suddetto fronte caldo, ha interagito con il flusso, da “gradiente”, di aria molto fredda nei bassi strati da E-NE, d’estrazione polare continentale, che dalle pianure Sarmatiche, appena raffreddate dalle recenti nevicate, si propaga in direzione della Finlandia, Golfo di Botnia e mar Baltico. L’interazione dell’aria più mite e umida in quota, legata al sopra menzionato fronte caldo, con l’aria molto fredda di natura continentale in tracimazione dalla Russia europea, sotto forma di una moderata ventilazione da E-NE che dal nord della Carelia si diparte in direzione delle coste svedesi, ha dato la stura a nevicate anche piuttosto intense tra Finlandia meridionale, Russia occidentale, Paesi Baltici, Svezia meridionale e Danimarca settentrionale, soprattutto grazie alla presenza di un flusso particolarmente umido nella media troposfera.

4K # (883)L’aria fredda polare continentale proveniente dalla Russia europea appena innevata, dopo aver attraversato la Finlandia e l’omonimo Golfo, si spinge verso la Svezia centro-meridionale, tramite una debole-moderata ventilazione orientale, la quale addensa una fitta nuvolosità bassa (stratocumuli e nembostrati) sul versante orientale delle Alpi Scandinave che dà luogo a queste nevicate persistenti, in genere di debole o moderata intensità.

3dzCB1NCon i venti orientali, provenienti direttamente dalla Russia europea, la Svezia viene interessa da nevicate, anche importanti, mentre la Norvegia, sovente favorite dalle ondate di freddo polari marittime (con i venti da NO o N-NO), si trova sottovento alle Alpi Scandinave, venendo coinvolta dall’”ombra pluviometrica” imposta da quest’ultime. La massa d’aria dopo aver scaricato tutto il suo contenuto di umidità, sotto forma di precipitazioni nevose sul versante orientale delle Alpi Scandinave, tende a riversarsi sulle coste norvegesi sotto forma di aria decisamente più secca, avara di precipitazioni. La notevole estensione del manto nevoso fino alla penisola Scandinava e ai Paesi Baltici sta favorendo un brusco raffreddamento dello strato d’aria prossimo al suolo.

cursnow_asiaeuropeI terreni innevati di fresco, causeranno un massiccio raffreddamento dello strato d’aria presente nei bassi strati, incrementando il forte raffreddamento che proprio in questo periodo caratterizza l’Eurasia, a seguito della diminuzione del soleggiamento diurno e dell’allungamento della notte sul giorno. Nei prossimi giorni si potranno registrare temperature minime anche inferiori ai -10°C -15°C in svariate località della Lapponia e nel nord della Russia europea.