Malattia della lingua blu, emergenza al Nord: boom di vaccinazioni

MeteoWeb

E’ in corso una vera emergenza negli allevamenti del Nordest per la malattia della lingua blu. La Provincia di Bolzano rivolge un appello ai proprietari di ruminanti affinche’ vaccinino i loro animali. “In Veneto i focolai censiti sono oltre 340, la malattia si sta espandendo anche in Friuli, nuovi casi sono stati rilevati in Lombardia (Brescia) e nei pressi di Cremona”, afferma Ernst Stifter del servizio veterinario provinciale al rientro da una riunione che si e’ tenuta a Padova. “A queste temperature – spiega – le zanzare che trasmettono il virus della febbre catarrale sono ancora attive”. Un recente decreto del Direttore del servizio veterinario rende La vaccinazione contro la febbre catarrale obbligatoria. I possessori di ruminanti sono quindi invitati a contattare immediatamente il veterinario aziendale e vaccinare i propri animali che abbiano superato il mese di vita. I bovini devono essere vaccinati piu’ volte, mentre per pecore e capre basta una sola volta. “Il costo del vaccino e l’iniezione sono a carico della pubblica amministrazione”, afferma l’assessore all’agricoltura Arnold Schuler. Il veterinario provinciale Paolo Zambotto sottolinea quindi l’importanza di identificare con un marchio auricolare gli animali vaccinati. Il decreto prevede che a partire dal 1 aprile 2017 possano essere condotti ad aste, fiere, mercati ed esposizioni solo gli animali sensibili alla Blue Tongue che sono stati preventivamente vaccinati oppure quelli di eta’ inferiore a 90 giorni nati da madri vaccinate. La vaccinazione contro la febbre catarrale viene definita “di fondamentale importanza” per la transumanza 2017 nelle vicine province di Trento e Belluno, che sono aree ora “proibite”.