Maltempo: tensione ad Alessandria, si attende la piena

MeteoWeb

C’è tensione e attesa ad Alessandria per l’arrivo della piena del Tanaro e del Po, attesa nelle prossime ore dopo l’ondata di Maltempo che ha colpito il Piemonte. Sugli argini dei fiumi in molti si fermano a osservare il defluire delle acque, rivivendo il dramma del 1994 quando mezza città finì sotto l’acqua. Nel quartiere Orti, all’epoca uno dei più colpiti con ben 14 morti, c’e’ poca gente in giro. “Oggi e’ diverso – spiega Marco, studente poco piu’ che ventenne – perche’ le case sono quasi tutte nuove e gli argini sono stati rinforzati. Pero’ i miei genitori sono preoccupati, lo vedo nei loro occhi, non hanno dimenticato“. Nel parco in piazza Carra’, sotto il Monumento ai caduti delle vittime, sfila un’anziana. “Nel 1994 abbiamo passato giorni terribili – racconta – speriamo che non accada piu’ un disastro simile”.

Ed è intensa l’attività nel presidio della protezione civile di San Michele, alla periferia di Alessandria, dove ci si sta preparando all’arrivo delle piene del Tanaro e del Po, previste in serata, con un continuo via-vai di camion che portano sabbia ed escono con i sacchi destinati alle zone della città più a rischio. A creare i maggiori timori e’ proprio la possibile concomitanza dei due eventi, che potrebbe provocare una violenta esondazione. I camion di sabbia, donata anche da imprenditori della zona, scaricano e ripartono, mentre il personale riempie i ‘big bag’. “Con due di questi – spiega un volontario – puoi realizzare un ‘muro’ di due metri che resiste all’acqua. Li metteremo nei punti piu’ delicati“.