AIDAA: oltre mille Comuni contro i botti di Capodanno

MeteoWeb

Cresce ogni giorno sempre di più l’elenco dei comuni italiani che aderendo alla proposta lanciata anche quest’anno (per il tredicesimo anno di fila) dall’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente – AIDAA (e ripresa nel tempo da molte altre associazioni animaliste e di tutela dei consumatori) “hanno deciso di vietare totalmente o parzialmente i botti di capodanno a tutela del benessere dei cittadini (specialmente anziani e cardiopatici) e degli animali e anche per limitare laddove possibile gli incidenti che ogni anno provocano decine di feriti e in alcuni casi anche morti sia tra gli umani e gli animali. A dieci giorni dalla fine dell’anno sono circa 1.000 i comuni italiani che hanno già emesso ordinanze anti botti e molti altri le stanno per formalizzare. Lo scorso anno ci furono 44 animali feriti e 600 cani fuggiti per i botti di capodanno di cui 56 non rientrati“.

Quella contro i botti di capodanno è una delle nostre battaglie storiche oramai diventate patrimonio culturale comune per tutti gli italiani di buona volontà – dichiara Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA – quest’anno crediamo che saranno oltre 2.000 alla fine i comuni che vieteranno in maniera totale o parziale i botti di capodanno con capofila molte città capoluogo come Torino e Campobasso solo per citarne due“.