Australia: il colosso petrolifero Bp rinuncia alla trivellazione in un parco marino

MeteoWeb

Il colosso petrolifero Bp ha finalmente ritirato la domanda di estrazione di petrolio nelle acque incontaminate del Great Australian Bight, la Grande Baia che delimita al sud gli stati del South Australia e del Western Australia. La compagnia ha cosi’ messo fine a mesi di incertezze, dopo aver annunciato in ottobre la rinuncia al progetto ma senza ritirare la domanda. La decisione e’ stata presa nonostante la compagnia abbia gia’ investito milioni nella pianificazione e nelle procedure di approvazione, con un impianto all’avanguardia di trivellazione gia’ in produzione a Singapore. L’Ente di controllo sulle attivita’ petrolifere offshore, la National Offshore Petroleum Safety and Environmental Management Authority (Nopsema), ha confermato il ritiro della domanda, ricordando che la BP aveva mancato piu’ volte di ottemperare alle regole dell’ente, e in particolare di fornire informazioni su questioni come i piani di risposta alla contaminazione da petrolio, il monitoraggio ambientale, i rischi alla vita marina e l’impatto delle emissioni.

Ai piani di estrazione si erano opposti non solo gli ambientalisti ma i settori del turismo e della pesca e i governi locali, preoccupati per i rischi ad acque oceaniche incontaminate e a una vita marina vulnerabile. Non e’ chiara tuttavia la posizione delle altre compagnie che hanno anche ottenuto licenze di esplorazione nell’area, fra cui Chevron, Santos e Murphy Oil. La Wilderness Society, che combatte contro i piani di estrazione petrolifera nella Grande Baia, ha descritto la rinuncia della BP come “un grande regalo di Natale” per gli australiani, esortando le altre compagnie a seguirne l’esempio. “Se la Bp con tutta la sua esperienza e tecnologia non puo’ produrre un piano di trivellazione accettabile, le restanti compagnie che esplorano nella Baia sprecherebbero i soldi degli azionisti cercando di perseguire questa follia“, ha detto il dirigente dell’organizzazione ambientalista, Peter Owen.