Ecco le top ten delle ricerche su Google nel 2016: Pokemon GO batte il terremoto, la ricetta più cliccata è il tiramisù

MeteoWeb

David Bowie batte Donald Trump, mentre i Pokemon Go sconfiggono le Olimpiadi e il terremoto, l’isola greca di Corfù cattura più interesse di Pantelleria e la ricetta del gelato al caffè sconfigge i massaggi erotici. Quanto al referendum costituzionale, solo un decimo posto persino dietro Miss Italia. Se le ricerche degli utenti italiani di Google sono uno specchio fedele dei loro interessi, il ritratto che ne viene fuori è quello di un paese di giocatori di Pokemon che preferiscono lo sport alla politica e che hanno la musica nel cuore (oltre che nello smartphone). E’ ricca di curiosità la lista delle parole emergenti più cercate nel 2016 su Google ed evidenzia il fattore ’emozionale’ delle query, come testimonia l’elenco dei personaggi più cliccati sul principale motore di ricerca. Se la parola più cercata in assoluto è ‘Pokemon Go’ nell’elenco dei primi 10 personaggi più ricercati ci sono tre figure che ci hanno lasciato nel corso di quest’anno: al primo posto David Bowie (scomparso il 10 gennaio scorso), al terzo Bud Spencer (27 giugno) e al sesto Prince (che si è spento il 21 aprile). ‘Solo’ secondo Donald trump, mentre nella top ten non c’è traccia di Hillary Clinton. Curiosa invece la ‘predominanza’ di Sanremo 2016: non solo è la sesta ‘query’ più cliccata in assoluto, ma mette alcuni dei suoi protagonisti fra i personaggi più ricercati: dal musicista Ezio Bosso al quinto posto a Gabriel Garko (settimo) e Virginia Raffaele (ottava) per chiudere con Patty Pravo (decima). Lo sport si conferma grande catalizzatore di passione con le Olimpiadi seconda ricerca in assoluto (e prima fra gli eventi), seguita dagli Europei di calcio. Solo terze le elezioni Usa e quarto il Terremoto, mentre gli attentati di Nizza e Bruxelles sono al settimo e ottavo posto. Ma le top ten di Google per categoria riservano molte altre sorprese, a iniziare dalle ricerche sulle mete per le vacanze con Corfù prima e – dopo le ‘classiche’ Pantelleria, Lecce, Tropea e Palma de Maiorca – alcune destinazioni meno note come l’isola di Praslin alle Seychelles e l’albanese Ksamil, che precede la montenegrina Budua. C’è una classifica anche per i biglietti più ricercati, con la storica Lotteria Italia che batte persino gli introvabili Coldplay, mentre il Salone del Gusto (sesto) sconfigge Vinitaly (nono) ma anche il concerto di Ligabue a Monza (ottavo). L’Italia si conferma paese di appassionati di cucina e questo spiega come mai la ricerca su ‘Come fare il gelato al caffè in casa‘ sia più cliccata delle istruzioni sui massaggi erotici e su come fare lo Slime o i Fiori di Stoffa. Incuriosisce piuttosto il fatto che nella top ten del Come fare la ricerca sulla Assonometria (quinta) batta i Passati di Verdura (settimi) e la Piazza (ottava). Ma su Google – misteriosamente – abbondano anche gli incerti su come fare un uovo sodo (decimo) rispetto al più ‘difficile’ uovo alla coque (non pervenuto). La ricetta più cliccata in assoluto è comunque quella del tiramisù che batte la peperonata e le Zucchine in Carpione, anche se gli italiani sono anche piuttosto interessati a fare un Mojito (settimo) o l’Amatriciana (decima), anche se qui entrano in campo elementi di cronaca. Bizzarramente, la parola più ricercata dagli italiani nel 2016 non è Brexit (terza) o Petaloso (ottava) bensì Idolatria seguita da un augurale Ad Maiora. Anche se non mancano le perplessità su cosa significhi essere davvero un Vegano (settima parola più cercata) o cosa voglia dire Podolico (decima). Infine, la classifica più singolare è quella dei Perché che vede gli italiani ricorrere a Google per chiarire uno dei grandi misteri della vita e cioè ‘Perché si intasa il braciere’ (enigma che assilla milioni di persone, notoriamente) seguito da ‘Perché i gatti hanno paura dei cetrioli’ che cattura molto più interesse delle ragioni del tentato Colpo di Stato in Turchia a luglio (terza query). E se non stupisce trovare al quinto il ‘Perché un uomo sposato tradisce’, c’è da interrogarsi sul fatto che gli italiani si chiedano molto di più ‘Perché Stefano e Belen si sono lasciati’ (settimo) rispetto all’interrogativo sulla vittoria di Trump (nono posto), preceduto persino dal Perché la Russia gioca agli Europei (ottavo). E non si capisce davvero perché, fra tutte le domande possibili, a Google gli italiani chiedano ‘Perché fumi’ (sesto posto) quando l’unica risposta possibile non può davvero venire da Internet.