Milano: da Cesvi la mostra “Vuoto”, arte ferita per difendere la vita di mamme e bimbi

MeteoWeb

Abbiamo ferito l’arte per proteggere la vita“, e il diritto alla Salute di mamme e bambini. I promotori della mostraVuoto‘, che si inaugura lunedì 12 dicembre alle 11,30 in Corso Vittorio Emanuele a Milano, spiegano così il messaggio che si è voluto lanciare con l’esposizione di opere dedicate alla maternità. Promossa da Cesvi, organizzazione umanitaria che opera da più di 30 anni a livello internazionale, la mostra mette sotto i riflettori celebri opere d’arte – da ‘Maternitè’ di Modigliani a ‘La Belle Jardinière’ di Raffaello, fino a ‘Madame Monet e suo figlio’ di Monet. Ma è l’allestimento di queste opere ad essere speciale: su ogni pannello, infatti, la figura della madre o del bambino verrà sostituita da una sagoma bianca, un vero e proprio ‘vuoto’, spiegano gli organizzatori, che simboleggia la fine di un legame speciale e mira a sensibilizzare il pubblico sulla mancanza incolmabile causata dalla morte di una madre o di un bambino. La mostra nasce nell’ambito della campagna ‘Salva i bambini, regala vita alle mamme’, con cui Cesvi “rafforza il suo impegno a fianco di mamme e bambini, promuovendo il diritto alla Salute e riducendo la denutrizione, in particolare in 4 Paesi in cui l’organizzazione è presente: Zimbabwe, Myanmar, Somalia e Libano“. E l’intento viene chiarito fin nella locandina in cui si parla di fame, guerra, Aids. “Troppe mamme e bambini muoiono ogni giorno – è il monito di Daniela Bernacchi, amministratore delegato Cesvi – C’è ancora molto da fare affinché, come previsto dal terzo Obiettivo di sviluppo sostenibile, i tassi elevati di mortalità materno-infantile diminuiscano anche nei Paesi dove l’accesso alle cure sanitarie non è garantito a tutti“. Molte morti, prosegue Bernacchi, “potrebbero essere evitate implementando interventi essenziali per la Salute materno-infantile: è questo l’obiettivo dei nostri progetti in Somalia, Zimbabwe, Libano e Myanmar, dove avere un figlio vuol dire ancora rischiare la vita“. In occasione dell’inaugurazione della mostra ‘Vuoto’, che si apre lunedì 12 dicembre e sarà fruibile liberamente fino a domenica 18, lo storico dell’arte Philippe Daverio e Bernacchi condurranno una visita guidata gratuita durante la quale sarà possibile approfondire il tema della Salute materno-infantile, dal punto di vista dell’arte e della solidarietà. A supporto della campagna ‘Salva i bambini, regala vita alle mamme’ è attivo un numero solidale, spiegano dal Cesvi: inviando un Sms o chiamando da rete fissa il 45519 dal 4 al 17 dicembre, è possibile sostenere le azioni messe in campo dall’organizzazione umanitaria a tutela della Salute di mamme e bambini. Nel 2015, ricordano gli esperti, oltre 300 mila donne nel mondo sono morte per cause legate alla gravidanza o al parto. Nello stesso anno, 5,9 milioni di bambini – circa 16 mila al giorno – sono morti prima di aver raggiunto i 5 anni di età (dati Oms). Tra le principali cause di morte ci sono le complicazioni legate al parto e circa il 45% dei decessi infantili sono legati alla malnutrizione. Ma a mettere a rischio la Salute di mamme e bambini è anche l’Hiv/Aids, che nel 2015 ha causato la morte di 110 mila bambini (dati Unaids), e la malaria, che lo scorso anno ha causato circa 306 mila vittime tra i bambini sotto i 5 anni di età, particolarmente vulnerabili alla malattia (dati Oms).