Previsioni Meteo: al Sud il punto debole dell’imponente anticiclone

MeteoWeb

Previsioni Meteo – Sembra un’impalcatura anticiclonica indistruttibile quella che ormai da settimane domina lo scenario meteorologico di gran parte dell’Europa continentale. Ma mentre gran parte dell’Europa centro-occidentale e dell’Italia continuano ad essere penalizzate dalla persistenza di questo robusto anticiclone dinamico, che con le sue “Subsidenze atmosferiche” (lenti moti discendenti in seno alla colonna d’aria) contribuisce a peggiorare la qualità dell’area enfatizzando lo smog sulle grandi città, l’estremo sud e la Sicilia orientale beneficiano di circolazioni secondarie parzialmente “retrograde”, in sviluppo lungo il bordo più orientale e sud-orientale di questa grossa impalcatura anticiclonica. Grazie a queste circolazioni secondarie “retrograde” queste regioni sono le uniche nel panorama nazionale a mantenere un andamento pluviometrico in media, se non addirittura di poco sopra le medie, a differenza del resto d’Italia, dove le piogge latitano da settimane.

analyzaCome già più volte ribadito da mesi questo particolare schema configurativo, non certo nuovo, sta esponendo l’estremo sud, ed in modo particolare le nostre regioni ioniche e del basso Tirreno orientale (coste di Calabria e Sicilia), a frequenti infiltrazioni di masse d’aria più fredde in quota, con una moderata componente “retrograda” impressa dalle pulsazioni dinamiche del grande anticiclone europeo. Quest’ultimo mantenendo il proprio baricentro sull’Europa centrale, con la radice calda sub-tropicale posizionata fra le coste marocchine, la Spagna e l’ovest della Francia, continuerà anche nelle prossime settimane ad estendere la propria coperta verso le Alpi e le nostre regioni centro-settentrionali, prorogando le condizioni di stabilità che da mesi caratterizzano l’andamento meteo/climatico su gran parte del nostro territorio nazionale.

Rtavn7816Del resto in questi ultimi mesi, dalla fine di Agosto fino ad oggi, abbiamo osservato il frequente posizionamento di importanti promontori anticiclonici dinamici fra l’Europa centrale, il sud della Scandinavia e l’Europa centro-orientale, che hanno favorito una predominanza della ventilazione dai quadranti orientali sui mari che circondano l’Italia, con una prevalenza dei venti di grecale e levante. In modo particolare sui bacini più meridionali, come il Tirreno centro-meridionale e lo Ionio, dove la ventilazione dai quadranti orientali nei mesi autunnali, ha anche favorito importanti surplus pluviometrici lungo le coste ioniche della Calabria e della Sicilia. Insomma, non possiamo parlare di una vera e propria anomalia della circolazione atmosferica nei bassi strati, ma è interessante come questo andamento si sia protratto fino ad ora.

Rtavn2281Solitamente in questo tipo di configurazione spesso i fronti o le perturbazione di origine atlantica e i connessi sistemi frontali, trovandosi la strada sbarrata verso est da queste figure anticiclone, sono costretti a scendere di latitudine, entrando sul bacino centro-orientale del Mediterraneo, dove rimangono incastrati per giorni prima di colmarsi definitivamente, scaricando piogge particolarmente abbondanti e causando prolungate ondate di maltempo, con fenomeni temporaleschi anche di forte intensità. In particolare sulle regioni del centro-sud e le Isole Maggiori, mentre quelle del nord dovrebbero rimanere maggiormente protette dalla coperta dell’anticiclone europeo che assicurerà maggiore stabilità.

ECMOPEU00_24_2Entro fine anno vista la persistenza di questo quadro configurativo, con queste vistose anomalie bariche, potrebbe esporre le nostre regioni più meridionali, specialmente le zone ioniche, dapprima ad intense fasi di maltempo, per intense correnti temperate dai quadranti orientali, ed in seguito anche alla discesa di importanti avvezioni fredde, di matrice polare continentale, che potrebbero aprirsi un canale di aria fredda, provenienti dalla regione carpatica e dai Balcani, proprio lungo il bordo più orientale dell’impalcatura anticiclonica. Queste fredde correnti da Nord e NE saranno capaci di insinuarsi dai Balcani meridionali fino al basso Adriatico, mar Ionio e sui mari che circondano la Sicilia, dove l’affondo del ramo discendente del “getto polare” potrebbe anche agevolare lo sviluppo di ciclogenesi in grado di apportare precipitazioni ed episodi di maltempo dalle caratteristiche invernali proprio fra Puglia, Calabria ionica e Sicilia orientale. Pertanto non bisognerà stupirsi più di tanto se entro fine mese, fra le coste ioniche di Calabria e Sicilia e l’Egeo, si potranno isolare dei “CUT-OFF” e delle depressioni colme di aria molto fredda in quota (Ionio low) che “avvetteranno” flussi di aria fredda “retrograda” che punteranno dritto proprio le regioni dell’estremo sud peninsulare e la Sicilia, con conseguenti fasi di maltempo.