Salute: triplicati i prezzi dell’insulina negli Stati Uniti

MeteoWeb

L’insulina non è un lusso. E’ una necessità per la salute e la vita“, un diritto che va garantito a tutti i malati che ne hanno bisogno. Comincia così il testo della petizione ‘Stand up for affordable insulin’, lanciata online dall’American Diabetes Association (Ada) e sottoscritta in meno di un mese da oltre 110 mila persone, che denuncia come negli Usa il costo dell’insulina stia crescendo “a un tasso allarmante“: il prezzo medio dell’ormone che controlla il livello di zuccheri nel sangue, un farmaco salvavita per tanti pazienti diabetici, “fra il 2002 e il 2013 è quasi triplicato“. Un aumento “drammatico” che rischia di mandare sul lastrico le persone che non possono fare a meno dell’insulina per sopravvivere, e di mettere in pericolo di vita i malati senza assicurazione sanitaria. L’Ada invita dunque a firmare la petizione all’indirizzo stopdiabetes.com/insulin, e a condividerla sui propri profili social. L’appello è doppio: da un lato a tutti gli attori coinvolti nella ‘filiera insulina’ (dalle industrie farmaceutiche ai grossisti, dalle farmacie alle assicurazioni), affinché garantiscano trasparenza nei prezzi e perché nessuno dei pazienti che necessita di insulina debba preoccuparsi di non riuscire ad accedere alla terapia; dall’altro al Congresso, affinché avvii una serie di audizioni per capire le ragioni del costante aumento del prezzo dell’insulina e prenda provvedimenti perché l’accesso a questo trattamento salvavita venga assicurato a chiunque ne abbia bisogno. Nel testo della petizione l’Ada ricorda che il diabete, il diabete gestazionale e il pre-diabete sono arrivati a bruciare nel 2012 negli States 322 miliardi di dollari, una spesa aumentata del 48% in 5 anni. L’insulina – si legge ancora – è spesso citata come uno dei farmaci più costosi per i privati cittadini e per i programmi governativi di assistenza sanitaria come Medicare, che in un recente rapporto la mette in cima alla lista dei farmaci non equivalenti che più sono aumentati di prezzo. Nelle maggior parte d’Europa, il prezzo di questo ormone salvavita è pari a circa un sesto di quello americano.