Terremoto: Di Maio accetta l’invito e va ad Amatrice, la Presidente Boldrini tra gli sfollati

MeteoWeb

Anche Luigi di Maio del Movimento 5 Stelle accetta l’invito del sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, a trascorrere qualche giorno nel borgo laziale devastato dal terremoto dello scorso 24 agosto. Intanto la presidente della Camera Laura Boldini ha trascorso il giorno di Santo Stefano tra gli sfollati del maceratese.

DI MAIO: DA DOMANI AD AMATRICE
“Ieri abbiamo accettato l’invito del Sindaco di Amatrice. Da domani saremo in quelle terre devastate dal terremoto a dare una mano”. Così sul blog di Beppe Grillo Luigi di Maio del Movimento 5 Stelle. “Siamo d’accordo con lo spirito di questa iniziativa- si legge – : non bastano le visite lampo e un rapido giro di incontri con le autorità o nelle zone rosse. Non bastano le passerelle o i giri in elicottero. Bisogna ascoltare con umiltà chi soccorre quelle persone da mesi, per imparare come viene gestita quotidianamente sul campo la ricostruzione. Sono sicuro che dopo questi giorni capiremo meglio quello che dobbiamo ancora fare per essere fino in fondo al servizio di questa gente. Il mondo, quello vero,si trova fuori dai palazzi della politica, lontano dal cerimoniale e dalle visite istituzionali. È lì che andrò nei prossimi giorni. Con me ci sarà la nostra portavoce al Senato Elena Fattori”.

BOLDRINI NEL MACERATESE
“C’è tanta voglia di rimboccarsi le maniche e farcela. Queste persone vogliono che istituzioni seguano questo percorso e noi ci saremo. Questo è il cuore del nostro paese e si deve fare ogni possibile sforzo”. Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, a Castelsantangelo sul Nera, prima di partecipare al pranzo organizzato dagli sfollati del terremoto del 30 ottobre scorso per celebrare la ricorrenza dedicata a Santo Stefano. “Uno sforzo collettivo che pesa su tutti – ha precisato – ma noi cercheremo di fare la nostra parte”. “Sono visite che le persone vogliono, si aspettano – ha aggiunto -, noi siamo invitati a ritornare e quindi abbiamo il dovere di essere qui, portando avanti anche un’azione di contenuto legislativo”. La presidente Boldrini ha ricordato l’approvazione del decreto sulla ricostruzione, “i 47 milioni di euro di risparmi della Camera devoluti alle popolazioni colpite, il grande concerto di Natale a Montecitorio con quasi mille persone venute dai luoghi terremotati”.

VISITA COMANDANTE GENERALE DELL’ARMA A NORCIA
Il comandante generale dell’Arma dei carabinieri, Tullio Del Sette, ha passato il giorno di Natale a Norcia. “La popolazione deve avere speranza e forza come l’hanno i carabinieri di Norcia e i carabinieri di tutti gli altri luoghi colpiti dal sisma”, sono le parole del generale. “Ce la faremo a ricostruire il bellissimo centro di Norcia e tutti i Paesi e far rivivere tutte le comunità”, ha assicurato Del Sette. Accompagnato dal comandante della Legione carabinieri, generale Francesco Benedetto, e dal generale di Brigata Maurizio Stefanizzi, capo del V Reparto del comando generale dell’Arma dei carabinieri, ha incontrato i colleghi della Tenenza di Norcia. Il comandante ha portato il suo commosso saluto ai militari dell’Arma che operano nel territorio colpito dallo sciame sismico esprimendo compiacimento “per l’impegno e la dedizione profusi nello svolgimento della quotidiana attività di controllo del territorio, di contrasto ad ogni forma di criminalità, di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica e di assistenza alle popolazioni”, complimentandosi per l’altruismo, dimostrato”.