Terremoto, Realacci a Norcia: “Dobbiamo ripartire dai nostri borghi”

MeteoWeb

Un grande architetto come Libeskind ha detto che nei borghi italiani c’è il dna dell’umanità e noi dobbiamo ripartire dai nostri borghi per scommettere sul futuro dell’Italia“, è quanto ha detto Ermete Realacci, presidente della Commissione ambiente alla Camera dei deputati, in visita questa mattina a Norcia. Realacci, dopo aver preso conoscenza dei danni causati dalla grande scossa del 30 ottobre scorso, ha sottolineato come “sia vivo lo spirito della comunita’ e la voglia di rinascere e per questo – ha detto – penso che organizzare fin da subito la fiera mercato del tartufo a febbraio sia un segnale positivo per la ripresa economica di queste zone. Non dobbiamo dare l’idea di assistenza a un centro destinato al declino, ma di scommessa per la sua ripartenza“. Accompagnato dal sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, dal capo della Protezione civile nazionale Fabrizio Curcio e dall’assessore regionale all’Agricoltura, Fernanda Cecchini, il presidente si e’ soffermato in piazza San Benedetto, all’interno del centro storico, dove ha chiesto spiegazioni in merito alla “gabbia” che sara’ posizionata nei prossimi giorni sulla facciata della Basilica. Quello della messa in sicurezza e della ricostruzione e’ un altro tema toccato da Realacci che ha detto “come oggi esistano delle tecnologie in grado di assicurare il recupero di questi borghi piu’ o meno come erano, laddove servira’ di intervenire con strutture diverse e penso alle scuole – ha sottolineato – si dovra’ procedere senza esitazioni”.