Alpinismo: morto Erich Abram, arrivò in cima al K2 nel 1954

MeteoWeb

E’ morto Erich Abram alpinista altoatesino che era l’ultimo componente della spedizione italiana sul K2 del 1954 ancora in vita. Ne ha dato notizia il Club alpinistico italiano Cai, che lo ricorda come un uomo “di carattere schivo e lontano dalle scene mediatiche“. Abram è deceduto serenamente la notte scorsa. Abram – che conquistò la cima della seconda montagna più alta della Terra, ma unanimemente riconosciuta come la più difficile da scalare – era nato a Vipiteno nel 1922. Insieme a Walter Bonatti e allo sherpa Amir Mahdi trasportò le bombole d’ossigeno utilizzate per raggiungere la vetta da Achille Compagnoni e da Lino Lacedelli il 31 luglio 1954. Abram, poi, ridiscese al Campo 8 prima di un notte trascorsa in un bivacco all’addiaccio da Bonatti e Mahdi a 8.100 metri. La spedizione italiana, al termine di una drammatica ascensione, raggiunse gli 8.611 metri e piantò lassù la piccozza con il tricolore. Una scalata memorabile, di valore assoluto, che rese orgogliosi tutti gli italiani e si lascio’ dietro uno strascico di polemiche lungo più 50 anni, in particolare sul ruolo svolto da Walter Bonatti nell’attacco alla vetta.