Ecco come regolare il sistema immunitario con i funghi della salute

MeteoWeb

La nostra salute dipende, in buona parte, dal corretto funzionamento del nostro sistema immunitario, fortemente influenzato dallo stato di salute del nostro intestino. Sia dal lato della prevenzione che da quello della terapia, è importante saper stimolare e modulare il sistema immunitario. I funghi Vitalia sono al centro della ricerca dell’analisi e della valutazione delle sostanze immunomodulanti e sono in grado di regolare i delicati meccanismi di difesa del nostro organismo.

GFV_Maitake_4880_1800x1200_klTra gli importanti compiti svolti quotidianamente dal nostro sistema immunitario figura la fondamentale distinzione tra i batteri patogeni pericolosi per l’organismo o sostanze innocue e addirittura vitali. Gli errori di valutazione possono avere conseguenze fatali: in particolare, le infezioni possono avere risvolti molto pericolosi, mentre le allergie o patologie autoimmuni possono, alla lunga, indebolire e danneggiare l’organismo.

L’organo più importante di un sistema immunitario funzionante è l’intestino. Nella sua mucosa si trovano circa tre quarti di tutte le cellule immunocompetenti del corpo. E’ comprensibile, quindi, che da disturbi dell’equilibrio naturale della flora intestinale derivino non solo difficoltà digestive, ma anche un maggiore rischio di infettività. Una particolare iperproliferazione batterica dell’intestino da parte di lieviti, favoriti ad esempio dall’assunzione di antibiotici, indeboliscono notevolmente le difese interne del corpo. In questi casi, si impone la necessità di regolare la flora batterica e, se necessario, di effettuare una pulizia sistematica dell’intestino per contrastare la debolezza del sistema immunitario a lungo termine.

GFV_Hericium_4938_1200x1800_klI funghi medicinali possono essere impiegati con un’importante azione di supporto per la ricostruzione della flora intestinale grazie alla loro azione rivitalizzante. Diversi studi clinici hanno dimostrato che l’Hericium riesce a calmare una mucosa intestinale aggredita e a stimolarne la ricostituzione. Questo fungo è caratterizzato da una componente compensativa vegetativa che può risolvere in modo naturale irritazioni leggere e acute dell’apparato digestivo.

Secondo gli studi, il fungo Shiitake rappresenta il maggior responsabile dell’aumento della crescita di bidifobatteri probiotici e di lattobatteri nell’intestino e della regolazione dell’equilibrio dei microrganismi. Lo Shiitake rafforza in modo sostenibile ed efficace il sistema immunitario, promuovendo un migliore assorbimento di sostanze nutritive e un rafforzamento dell’intestino dall’interno.

GFV_Agaricus_1600x2400_4575_klTutti i funghi Vitalia contengono un ampio ventaglio di vitamine (ad es. tutte le vitamine del gruppo B, la vitamina A, la vitamina D) e sostanze minerali (soprattutto il potassio) ma anche oligoelementi. Tra i principi attivi più interessanti e maggiormente analizzati risultano i polisaccaridi, che esercitano principalmente la funzione di involucro e riserva nei funghi e che offrono un potenziale attivo molto promettente. Diversi elementi suggeriscono che gli estratti fungini esercitano una funzione vasoprotettiva, che migliora la circolazione sanguigna, e disintossicante, che abbassa il livello dei grassi e dello zucchero nel sangue. Ma è soprattutto l’azione immunomodulante e antitumorale svolta da speciali polisaccaridi, i betaglucani, che si rivela particolarmente interessante. Tra gli effetti dei funghi medicinali sul sistema immunitario figurano l’attivazione della stimolazione della maturazione dei linfociti, l’aumento della produzione di mediatori immunitari e di anticorpi, l’attivazione della fagocitosi e del sistema del complemento, la sintesi rafforzata delle proteine di fase acuta e l’attivazione delle naturali cellule killer.

I funghi medicinali sono generalmente ricchi di sostanze bioattive, che vengono ben assorbite e metabolizzate dall’organismo. La regolazione di diversi aspetti del sistema immunitario svolta dai Funghi Vitalia li converte in “biological response modifier” della migliore qualità con un ricco ventaglio di applicazioni. L’approccio preventivo dei polisaccaridi è da prediligere qualora il sistema immunitario, ad esempio a causa di sovraccarico fisico o psichico o perché già compromesso dalla malattia, sia particolarmente messo alla prova.