Farmaci: torna la giornata della raccolta

MeteoWeb

Sabato 11 febbraio torna in tutta Italia la Giornata di raccolta del farmaco. Un’iniziativa che si basa su un gesto semplice: acquistare uno o più medicinali da banco da donare alle persone bisognose che in Italia sono sempre di più. La povertà sanitaria, infatti, è un fenomeno in crescita, come testimoniano i dati degli oltre 1.600 enti caritativi convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico Onlus, che nel 2016 hanno visto crescere i propri assistiti del 37,4% e sono arrivati ad aiutarne oltre 557 mila, il 12% dei poveri italiani. In oltre 3.600 farmacie di 101 province, che espongono la locandina della Grf, sarà dunque possibile fare la propria parte, spiegano i promotori dell’iniziativa ricordando i risultati dello scorso anno: nella Grf del 13 febbraio 2016 sono stati raccolti 353.851 farmaci, per un controvalore commerciale pari a circa 2 milioni di euro. I farmaci acquistati saranno consegnati direttamente agli enti convenzionati con il Banco Farmaceutico. In 16 anni, si è raggiunta quota 4,1 milioni di farmaci messi insieme durante la Giornata di raccolta (controvalore commerciale circa 24 milioni di euro). Ma parallelamente negli ultimi 3 anni è salita anche la richiesta di medicine da parte degli enti convenzionati con Banco Farmaceutico, del 16%. Le difficoltà non riguardano solo i poveri: oltre 12 milioni di italiani e 5 milioni di famiglie hanno dovuto limitare il numero di visite mediche o gli esami di accertamento per ragioni di tipo economico, secondo l’ultimo Rapporto sulla povertà sanitaria realizzato da Banco Farmaceutico in collaborazione con l’Osservatorio donazione farmaci (dal titolo ‘Donare per curare: povertà sanitaria e donazione farmaci’). La Grf si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, in collaborazione con Aifa, Cdo Opere Sociali, Federfarma, Fofi, Federchimica Assosalute e BFResearch. L’iniziativa è realizzata con il sostegno di Intesa Sanpaolo, Teva, Doc, EG EuroGenerici, Avvenire, TV2000, Mediafriends, Segretariato sociale Rai e Pubblicità progresso. La Giornata di raccolta del farmaco 2017 si svolgerà anche nella Repubblica di San Marino. “Invito tutti coloro che possono permettersi una spesa di pochi euro ad andare in farmacia e donare col cuore – esorta Paolo Gradnik, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico Onlus – pensando a quanti, e spesso si tratta dei nostri vicini di casa, nel nostro Paese quella spesa non possono permettersela, anche se necessaria per poter stare bene”. “Ci sono 4,6 milioni di poveri (500 mila in più dell’anno precedente) in Italia – continua – molti dei quali non possono spendere neanche un euro per il ticket, sono privi del medico di base perché fuori da ogni contesto sociale, o sono anziani, lavoratori disoccupati, mamme sole e migranti che hanno perso tutto”. Saranno le singole farmacie aderenti a indicare quali farmaci poter donare in abse alle necessità. Solo a Milano ne sono state coinvolte 391 e l’anno scorso nel capoluogo lombardo sono stati aiutati su questo fronte oltre 151 mila bisognosi, anche qui un numero in forte crescita rispetto al 2015. Le confezioni di farmaci richieste sono state pari a circa 101 mila unità (+15,8% rispetto al 2015), mentre quelle raccolte 30.400 (+6,6% rispetto al 2015). “La povertà sanitaria cresce anche nella nostra città e sono sempre di più le persone che rinunciano alle cure – ha commentato l’assessore alle Politiche sociali, diritti e Salute del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, intervenendo alla presentazione della Grf 2017 in città – E’ necessario intervenire su questa situazione con nuove azioni, contando certamente sull’aiuto della cittadinanza che generosamente dona le medicine, ma soprattutto sostenendo la rete tra enti, privato sociale e volontariato e puntando sull’alleanza tra pubblico e privato”. “L’ultima che abbiamo stretto -ha concluso- è avvenuta con Philips e Croce Rossa e ha permesso di ristrutturare l’ambulatorio di via Pucci e mettere a disposizione mille visite cardiologiche per le persone indigenti. Ai cittadini che sabato contribuiranno comperando e donando le medicine va il nostro ringraziamento”.