Farmacie, l’identikit del ladro seriale: solo, mascherato e armato

MeteoWeb

Rapine invernali in calo di quasi il 40% nelle farmacie di Milano di provincia: da 31 colpi nel periodo ottobre 2015-gennaio 2016 si è passati a 19 da ottobre 2016 a gennaio 2017. Lo riferisce Federfarma, spiegando che la riduzione è dovuta “soprattutto agli arresti di diversi rapinatori seriali, a conclusione delle inchieste che le forze dell’ordine hanno portato avanti già nel primo semestre del 2016. Si tratta di dati in controtendenza – commenta l’associazione titolari – Negli ultimi 5 anni le rapine in farmacia erano sempre aumentate nel periodo invernale”.
“Grazie alla stretta collaborazione tra forze dell’ordine e farmacie – afferma Annarosa Racca, presidente di Federfarma – si è innescato un processo virtuoso che ha permesso l’individuazione e l’arresto di diversi rapinatori seriali. Importanti sono stati l’aumento degli impianti di videosorveglianza nelle farmacie collegati alla Questura e il coordinamento su orari e modalità del pattugliamento delle Forze dell’ordine fuori delle farmacie”.
Il rapinatore seriale di farmacie ha un profilo ben definito, sottolinea Federfarma. L’identikit? “Agisce da solo, travisa il proprio viso, si accontenta di rubare somme modeste, fugge a piedi, utilizza come arma coltelli o pistole, ma anche armi occasionali come bottiglie rotte, siringhe, bastoni”.
Gli impianti di videosorveglianza collegati direttamente con la Questura sono stati adottati da oltre il 30% delle farmacie, conclude la Federfarma milanese, e sono “in deciso aumento” le prenotazioni per l’installazione dell’impianto o per il suo ammodernamento. (AdnKronos)