Hotel Rigopiano: focus sulla tragedia a “L’Arena” su Rai 1

MeteoWeb

Un viaggio in elicottero sopra il fronte della valanga che ha colpito nei giorni scorsi l’Hotel Rigopiano, a Farindola, in Abruzzo, con 29 morti. È stato mostrato oggi a ‘L’Arena’, a Rai 1. Il padre di una delle vittime, Alessio Feniello, ha raccontato: “Mio figlio Stefano la mattina è stato scortato dal sindaco con una macchina. Si sono preoccupati di pulire la strada per portarli su ma non per portarli giù“. “Quella strada è in gestione della Provincia. Un mezzo avrebbe dovuto percorrere continuamente la strada perché non si riempisse di neve“, ha detto Ugo Ciavattella, ex sindaco di Farindola. “Giusto costruire l’hotel? Avevo 13 anni quando è stato realizzato, nel 1970. Il Comune non avrebbe potuto fare nulla, decidevano altri enti. La commissione Valanghe serviva per la strada e non per l’albergo. Abbiamo 40 anni di ambientalismo in quella zona“, si è difeso. “Non c’erano episodi precedenti di valanghe. Nessun ente superiore ci aveva detto di non ristrutturare l’hotel. Ho percorso quei canali centinaia e centinaia di volte. Avrei gradito che i grandi esperti della commissione Valanghe fossero venuti prima. La valanga ha superato anche il canalone della ‘Valle bruciata’“, ha notato l’ex sindaco di Farindola. E Pasquale Iannetti, guida alpina, ha fatto sapere: “La Regione Abruzzo nel ’92 ha fatto una legge per fare la mappatura delle valanghe. Lo studio è stato commissionato solo nel 2014, con la giunta Chiodi, e oggi la mappatura ancora non c’è“.