Malattie rare, SIN: progressi nella ricerca ma è necessario fare rete

MeteoWeb

In vista della Giornata mondiale che si celebra il 28 febbraio la Società italiana di neurologia (Sin) fa il punto sulla malattie rare, di cui più della metà sono patologie neurologiche. E questo mettendo in evidenza i significativi progressi della ricerca sia dal punto di vista diagnostico sia dal punto di vista terapeutico e ponendo l’attenzione sullo “sforzo organizzativo per favorire la creazione di una ‘rete’ tra tutti i centri specializzati, le istituzioni, i medici e i ricercatori perché, a parte alcune eccezioni – come afferma Antonio Federico, direttore della clinica neurologica di Siena – molte malattie sono così rare da richiedere un approccio multidisciplinare”. Primo su tutti il National Institute of Health (Nih) – rivela la Sin – capofila di un progetto che permetterà di realizzare un network internazionale per i casi di malattie rare ancora non diagnosticati che, ad oggi, si stima siano il 50% del totale. Il progetto offrirà la possibilità di indagare questi casi attraverso il sequenziamento del Dna per identificare e diagnosticare le malattie ereditarie. Inoltre – prosegue la Sin – alla fine di dicembre 2016 la commissione europea ha approvato le 22 Erns (European Reference Networks) su diversi tipi di malattie rare, tra cui 4 di interesse neurologico (malattie metaboliche; malattie neurologiche rare; epilessie rare; malattie neuromuscolari). Le Erns – spiega la Società italiana di neurologia – riuniscono le migliori strutture europee selezionate dal ministero della Salute di ogni paese. Questa rete ha il vantaggio di condividere linee di diagnosi, di ricerca, di terapie e favorire gli scambi per consulti sui pazienti. Si tratta di un approccio rivoluzionario e internazionale. In queste Erns – prosegue la Sin – la presenza di centri neurologici italiani è consistente, a conferma della qualità della ricerca e della attenzione della neurologia italiana a questa tipologia di malattie. Anche la European Association of Neurology (Ean), grazie all’iniziativa di Federico , presidente del comitato scientifico Ean – ha avviato una task force che riunisce esperti di tutti i settori neurologici con l’obiettivo di aiutare, attraverso la sensibilizzazione, i pazienti e le loro famiglie per facilitare la diagnosi precoce, la gestione tempestiva e il coordinamento della ricerca.