Peppa Pig pericolosa, anarchica e massonica: la bufala prodotta da un sito cristiano che spopola sul web

MeteoWeb

Peppa pig pericolosa, anarchica, ribelle e per giunta massonica. Cosa sta succedendo? Siamo di fronte all’ennesimo fenomeno di mistificazione della realtà sul web in cui una manciata di briciole riesce impensabilmente a trasformarsi in un lauto banchetto e in un batter d’occhio. Dda una semplice parodia, ci ritrova di fronte a una inimmaginabile bufala che per giunta ha destato allarmismi senza precedenti tra i neo genitori.

Tutto è nato da un lungo post pubblicato da un padre trentaduenne di nome Federico su un noto blog cliccato maggiormente dai neo genitori, su cui ha espresso, in maniera palesemente ironica, il suo parere sul celebre cartone animato raffigurante il maialino rosa che impazza tra tutti i bambini.

peppaIl sarcastico Papà titola il suo articolo: “Messaggi subliminali di Peppa Pig”, analizzando punto per punto, passo per passo, l’intero cartone animato, partendo dalla descrizione di ogni personaggio, finendo all’analisi della sigla.

Un pensiero postato in maniera simpatica, che a leggerlo interamente strappa anche qualche sorriso, ma il dileggio non ha convinto proprio tutti e l’ironia non è stata unanimemente colta.

peppa pigIl sito cristiano Notizie Evangeliche.com ha infatti travisato il senso dell’ironico post scritto dal padre tretaduenne, distrocendone completamente il significato.

Sul sito innanzitutto viene cambiato il titolo, sostituito da “Cambiate canale, messaggi sbagliati di Peppa Pig!” ; poco male se la questione si fosse fermata qui. Al contrario, il sito evangelico è andato oltre, innescando pensieri sbagliati e inserendo parole fuorvianti che esulavano dall’ironia originaria partorita dall’autore.

“Le storie del cartone sono un evidente sdoganamento della criminalità organizzata si legge dal sito evangelico- con messaggi subliminali che approvano i peggiori sistemi di intimidazione. Fateci caso: in Peppa Pig non c’è attività, escluso nonno cane, che non detenga la Signora Coniglio. Supermercato, pompieri, fiera, ospedale, biblioteca, museo dello spazio e spesso la frase che usa quando vende e ribatte allo stupore di Papà Pig per un prezzo troppo alto, la risposta sibillina è : “E’ per una buona causa…”. Certo, quando metterai Nonno Cane in un pilone di cemento? La aspettiamo al varco cara signora”.

images“Quello che più inquieta è che Peppa Pig e il suo fratellino George amano rotolarsi nel fango. Certo, sono maiali! Ma qui c’è un altro messaggio subliminale. Far diventare i nostri piccoli degli anarco-insurrezionalisti, totalmente indifferenti all’autorità, istigando nelle loro giovani menti candide azioni proibite nel nostro vivere civile, quali appunto lo sporcarsi nelle pozzanghere di fango o l’emettere potenti e fragorosi rutti come fa papà Pig. L’obiettivo cospirazionista ormai appare chiaro”.

Un altro aspetto sarebbe poi ancora più inquietante, i simboli massonici che si celerebbero dietro il cartone : “Il cerchio, la figura geometrica più perfetta, è ovunque nel cartone: occhiali, occhi, corpo, naso, sole. Ora, non ci vuole un genio per capire che fin dagli anni della Rivoluzione francese una delle caratteristiche della massoneria, riguardo alla fraternità e all’uguaglianza degli uomini, riposa nel segreto della geometria assoluta, sull’arcano del numero e delle forme simboliche perfette (triangolo, cerchio, piramide e sfera). Che in Peppa sovrabbondano. Aggiungici il fatto che il creatore di Peppa Pig è un britannico (terra dove le varie logge spopolano dal XV secolo), che viene trasmesso da Disney Junior (provate a digitare su Google Walt Disney e massoneria), oltre che da Channel 5 e il cerchio, per l’appunto, si chiude”.

L’autore del blog, venuto a conoscenza della bufala che circolava sul web, ha così commentato: “Ovviamente il mio intento era ironico, ma vederlo su un sito come Notizie evangeliche (che tra l’altro l’ha preso pari pari senza dirmi nulla, cambiando solo il titolo) può essere fuorviante visto che è totalmente fuori contesto. Comunque grazie a tutti per i commenti, sono ancora piegato in due dalle risate”.