Salute: 6 milioni di donne con incontinenza, solo il 40% segue le cure

MeteoWeb

L’incontinenza urinaria colpisce 10 milioni di italiani. Ma il disturbo riguarda soprattutto le donne: 1 donna su 5, dopo i 45-50 anni, avverte il bisogno impellente di correre in bagno al primo stimolo, dopo uno sforzo, un colpo di tosse, uno starnuto o una risata improvvisa. Si tratta di oltre 6 milioni di donne, mentre gli uomini sono colpiti in misura inferiore. Tre milioni di maschi adulti (12%) soffrono di incontinenza urinaria con punte del 15% intorno ai 70 anni. Oltre i 75, la percentuale arriva al 50 per entrambi i sessi. L’incontinenza può essere però un problema anche per le donne più giovani, dovuto a un ipertono del pavimento pelvico. Un problema che è possibile affrontare con piccoli interventi chirurgici, terapie riabilitative o cure farmacologiche. Ma solo il 40% di chi soffre di incontinenza segue correttamente la cura. Il resto teme effetti collaterali. Gli strumenti a cui si ricorre più facilmente sono infatti ausili come assorbenti e cateteri che comportano però costi elevati a carico del paziente. Se ne è parlato oggi a Matera, al secondo masterclass di uroginecologia, nell’ambito di un ‘social corner’ incentrato su gratuità-rimborsabilità delle cure per l’incontinenza e istituzione di una rete di centri di prevenzione, diagnosi e cura. L’Italia, infatti, è ancora uno dei pochi Paesi europei a non godere della rimborsabilità di farmaci per questo problema, che oggi costa al Sistema sanitario nazionale 867 euro l’anno pro capite per i presidi di assorbenza e alla persona oltre 40 euro mensili per i farmaci. La gratuità consentirebbe, invece, secondo gli esperti un risparmio globale di 136 milioni di euro annui. “L’incontinenza urinaria ha un forte impatto sulla qualità della vita di chi ne soffre, con implicazioni psicologiche e fisiche superiori anche a quelle di altre patologie, come il diabete”, dichiara Roberto Carone, presidente della Società italiana di urologia e direttore della Struttura complessa di Neuro-urologia dell’Aou Città della SALUTE e della scienza di Torino, che sottolinea come il problema sia “serio dal punto di vista del paziente ma anche per il medico, trattandosi di una patologia multifattoriale che richiede un approccio multispecialistico con il coinvolgimento di più figure professionali, dall’urologo, al ginecologo, al fisiatra, all’infermiere e al fisioterapista che devono collaborare per la corretta definizione diagnostica e terapeutica. La terapia può prevedere diversi trattamenti: farmacologici, riabilitativi o chirurgici”. “Il fenomeno della non aderenza terapeutica – aggiunge Giuseppe Carrieri, presidente del secondo Masterclass di uroginecologia e ordinario di urologia direttore della Clinica urologica, Centro trapianti di rene dell’Università degli studi di Foggia – è spiegato dalla convinzione che i device di assorbenza (pannoloni) siano la cura dell’incontinenza. Invece esistono trattamenti efficaci e spesso risolutivi sia per le forme gravi, con la chirurgia, sia per le forme medio-lievi con terapia riabilitativa o farmacologica”. Quest’ultima, in particolare, risulta la meno amata: “Si stima che solo il 40% delle donne segua il trattamento secondo le modalità e la durata prescritta dal medico – osserva ancora Carrieri – Le altre lo interrompono o non lo iniziano affatto a causa del timore di effetti collaterali, possibili ma di scarsa rilevanza, quali secchezza delle fauci o vaginale e lieve costipazione e reversibili con la sospensione della terapia, oltre che per i costi. L’Italia è uno dei pochi Paesi europei che ancora non rimborsa i farmaci per l’incontinenza”. Giuseppe Pozzi, presidente della Corte di Giustizia per il diritto alla SALUTE di Federanziani, ricorda che “oggi i pazienti con incontinenza urinaria da urgenza sono oltre 678 mila di cui solo 447 mila, seguiti da un medico, possono accedere alla prescrizione della terapia o al percorso per la rimborsabilità dei presidi assorbenti”, a cui ricorrono “oltre 320 mila pazienti per i quali il Ssn spende circa 2,4 euro al giorno (867 euro l’anno per paziente) mentre i pazienti in terapia con farmaci sono oltre 126 mila che spendono più di 40 euro mensili per un trattamento che ha durata in media 3,5 mesi”. “Se una fetta di pazienti passasse dai presidi assorbenti all’uso dei farmaci, rimborsati al 100% – spiega Pozzi – il rimborso per i farmaci ammonterebbe a oltre 28 milioni di euro come costo annuo a carico del Ssn e quello per i presidi assorbenti passerebbe a oltre 112 milioni di euro, per un totale di più di 141 milioni di euro e un risparmio superiore a 136 milioni di euro, rispetto alla situazione attuale”. Ma “non è solo alla rimborsabilità che si sta puntando” continua Carone, che mette in luce l’esigenza di una “rete territoriale con centri di diagnosi, cura e prevenzione in tutte le regioni. Questo obiettivo – ricorda – è perseguito da un tavolo tecnico ministeriale che ha appena concluso i lavori con la stesura di un documento di indirizzo sull’incontinenza, che, oltre ad affrontare tematiche quali la fornitura di ausili, l’approccio chirurgico o farmacologico, evidenzia la necessità di istituzionalizzare sul territorio centri in grado di garantire ai cittadini una maggiore omogeneità e accessibilità delle cure e una migliore erogazione delle prestazioni e servizi”. “Il documento, ora alla firma del ministro Beatrice Lorenzin, una volta approvato verrà diffuso a tutte le Istituzioni regionali, ospedaliere, sanitarie preposte – si spiega a Matera – Ad oggi, la rete è una realtà solo in Piemonte, con 40 centri, ma è di prossima realizzazione anche in Basilicata, Sardegna e Veneto” Ma l’incontinenza non riguarda solo gli anziani. “Erroneamente si pensa sia un problema solo dell’età avanzata – aggiunge Alessandra Graziottin, direttore del Centro di ginecologia, ospedale San Raffale Resnati di Milano e presidente della Fondazione Graziottin per la cura del dolore nella donna onlus – Non è così, perché esiste anche un sottogruppo di incontinenza da urgenza dovuta all’ipertono del pavimento pelvico, che si associa a cambiamenti di abitudini e stili di vita delle donne italiane (e non solo), occorsi negli ultimi 10-20 anni”. “Le donne – spiega Graziottin -arrivano tardi alla maternità, partoriscono spesso con cesareo, fanno molta attività fisica con indiscusse conseguenze sul tono del muscolo e pavimento pelvico. Sono infatti in aumento le donne che alla visita ginecologica mostrano un ipertono del pavimento pelvico o appena ‘sottosoglia’, cioè che non da ancora sintomi vescicali o ai rapporti, oppure che dà segno di sé attraverso il dolore all’inizio della penetrazione o la cistite post-coitale”. Il mancato riconoscimento dell’ipertono “può sfociare in urgenza minzionale” ma anche “nell’aumentata vulnerabilità del pavimento pelvico al parto con danni, nella fase espulsiva, sia fetali che materni”, osserva Graziottin. Per questo, in presenza di ipertono “occorre che il ginecologo, l’urologo o il proctologo, raccomandino una fisioterapia di riabilitazione del pavimento pelvico con un programma di rilassamento, utile ad aumentare la capacità della donna di ascoltare questo muscolo e di comandarlo correttamente”.