Salute: in Sicilia circa 500mila pazienti affetti da una malattia renale cronica

MeteoWeb

In Sicilia su 5 milioni di abitanti circa 500mila sono pazienti affetti da una malattia renale cronica e spesso non se ne conosce la causa. Crescono in maniera lenta ma costante i soggetti in dialisi cronica pari a 4.749 (933 per milione di abitanti), mentre l’incidenza dei nuovi dializzati mantiene il trend in lenta riduzione iniziato nel 2013, comunque entrambi gli indicatori risultano essere al di sopra del benchmark di riferimento. La fotografia è contenuta nell’ottavo Report dei dati del Registro siciliano di nefrologia, dialisi e trapianto 2015, presentato dall’assessore alla Salute della Regione siciliana, Baldo Gucciardi, e dal presidente del Centro nazionale trapianti, Alessandro Nanni Costa, e dal direttore del Centro regionale trapianti (Crt), Bruna Piazza. “Il registro è un buon strumento ma non è ancora sufficiente per le anomalie che si sono registrate negli anni e siamo al lavoro per correggerle in modo che non ci siano più ombre – dice Gucciardi -. In particolare l’obiettivo della programmazione è quello di non trascurare le strutture pubbliche”. “Bisogna capire esattamente qual è l’impatto della dialisi pubblica e della dialisi privata nel sistema sanitario – aggiunge Nanni Costa – e vedere quali sono le caratteristiche interne di offerta e di occupazione dei posti dialisi. Bisogna lavorare rispetto alle diverse metodologie della dialisi, bisogna potenziare la dialisi peritoneale”.  Il Registro, istituito con decreto assessoriale del 19 dicembre 2008, raccoglie i dati relativi ai pazienti in trattamento dialitico cronico sostitutivo della funzione renale, ai pazienti in lista d’attesa per trapianto di rene ed al numero di trapianti effettuati in Sicilia e fuori Regione. E’ al tempo stesso uno strumento di monitoraggio e gestione della governance clinica a disposizione dell’assessorato, uno strumento di verifica dell’offerta assistenziale e di ricerca clinica per i nefrologi e uno strumento di valutazione della qualità assistenziale ricevuta dai pazienti. Nel corso della presentazione è stata ribadita l’inversione del trend in senso positivo delle donazioni in Sicilia registrata nel 2016, che sembra mantenersi all’inizio del nuovo anno. Nell’Isola c’è un incremento del 20 per cento rispetto al 2015 in termini di segnalazioni (138 nel 2016 e 117 nel 2015) e di donazioni (64 nel 2016 e 54 nel 2015).