Scoperta esopianeti: è come “oltrepassare le colonne d’Ercole, immaginiamo forme di vita come le nostre”

MeteoWeb

Scoperta esopianeti – “Sembra una birra, mi fa venire in mente un monastero dove fanno cioccolata e liquori, non un sistema planetario“: lo ha dichiarato in una intervista al Tirreno Umberto Guidoni, astronauta per due missioni, in riferimento alla scoperta del sistema dei sette esopianeti. “E’ molto interessante sapere che esiste un altro sistema solare con caratteristiche assimilabili al nostro. Per me che negli anni universitari ho studiato 9 pianeti e ne ho visti mettere a fuoco almeno altri 3.000 è un passo avanti affascinante“. “L’unica cosa che possiamo fare oggi è immaginare forme di vita come le nostre, cerchiamo la vita che si è manifestata sul nostro pianeta. Per questo motivo è determinante la presenza di acqua. Tutte le cellule vive che conosciamo, da quelle microbiche a quelle umane sono a base di acqua“, “stiamo parlando di una nuova avventura che non possiamo immaginare dove ci porterà. Siamo in una situazione come quella degli esploratori che si trovarono a solcare l’Atlantico senza sapere cosa li aspettava. Lo spirito che li spinse a oltrepassare le colonne d’Ercole è lo stesso che ci permetterà di raggiungere le stelle, magari anche il sistema Trappist 1, per il quale, con la tecnologia di oggi, non basterebbe un viaggio di un milione di anni“.