Scoperta esopianeti: evento “epocale”, “è una copia del nostro sistema solare”

MeteoWeb

Questi sette esopianeti rappresentano una scoperta epocale nella ricerca di un gemello della Terra“, “prima di tutto per come sono distribuiti rispetto alla stella-madre. L’allineamento dei pianeti su un unico piano copia il nostro sistema solare“: lo ha dichiarato Valerio Nascimbeni del gruppo di astronomi dell’Università di Padova, in un’intervista al Corriere della Sera.

Sarà possibile indagare con maggior facilità l’eventuale presenza di un’atmosfera e arrivare alla rilevazione delle molecole che la compongono. Tutti aspetti fondamentali per stabilire l’abitabilità“. “Le caratteristiche della stella potrebbero far pensare a una vita diversa da quella sulla Terra. La stella è ultra-fredda e la radiazione che arriva sui pianeti è ridottissima rispetto a quella da noi ricevuta sulla Terra dal Sole. Questo crea delle condizioni ben diverse e quindi anche i processi biologici potrebbero manifestarsi in modi differenti“. “Astri come Trappist-1 sono numerosi nella nostra galassia ed è ragionevole pensare che sia più facile trovare vita attorno ad essi“.

Nella ricerca degli esopianeti “oltre al telescopio Webb della Nasa, lavoriamo con l’Esa per i futuri satelliti Piato e Cheops. Ma anche il più grande osservatorio del mondo ELT che l’Europa sta costruendo sarà straordinario per queste ricerche“.