Spazio, Nespoli: “Grande ruolo dell’Italia nello scenario mondiale”

MeteoWeb

L’astronauta ESA Paolo Nespoli racconta in un’intervista a La Stampa, dal “Johnson Space Center” di Houston, come si prepara a vivere altri sei mesi in orbita per la terza missione di lunga durata sulla Stazione Spaziale Internazionale: “Tutto procede spedito e stiamo completando la lista dei test. Avrò il ruolo di ingegnere di bordo, responsabile del modulo europeo ‘Columbus’ e di quello giapponese“. Il lancio “resta in programma per il 29 maggio, ma si parla di un probabile slittamento dovuto a ragioni tecniche. Di sicuro questa è una missione che conferma il grande ruolo dell’Italia nello scenario mondiale dello spazio“.

In riferimento al conferimento dell Nobel per la Pace alla Stazione l’astronauta è “d’accordo. Quale altro programma nella storia è riuscito a unire così tante nazioni, che lavorano per un progetto così importante? Sono nazioni con culture e ideologie diverse, ma che nello spazio, e per lo spazio, collaborano. America e Russia non parlano da tempo, tranne che lassù. E questa è la filosofia che andrebbe portata avanti per il prossimo grande obiettivo: Marte“. “Barack Obama non ha certo favorito la Nasa e adesso vedremo la politica dell’amministrazione Trump. Intanto i cinesi stanno dimostrando quanto sono bravi e quindi potrebbero generare un ‘effetto Sputnik’, obbligando Usa ed Europa ad accelerare i loro programmi. Si stanno sviluppando il razzo ‘Sis’ e la navicella ‘Orion’ per portare astronauti oltre l’orbita terrestre“.