Terremoto: Baglioni e il Vaticano consegnano 700mila euro a Norcia

MeteoWeb

”L’Umbria è la terra dei miei genitori. Le mie radici, dunque, affondano qui. E Castelluccio e la sua piana sono due tra gli angoli del nostro Paese ai quali sono più legato in assoluto. Da qui, infatti, sono partiti raduni, concerti e alcuni tra i miei progetti artistici più importanti: da ‘Fratello Sole e sorella Luna’ – una delle mie primissime incisioni, ’72 per il film di Zeffirelli – all’avventura di ‘Capitani Coraggiosi’ che ha preso le mosse proprio da Castelluccio nell’estate 2015”. Lo ha dichiarato Claudio Baglioni, che oggi ha consegnato a Norcia, insieme a monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana, a monsignor Fernando Vergez Alzaga, LC, segretario generale del Governatorato, e Domenico Giani, Comandante della Gendarmeria Vaticana – parte del milione e mezzo di euro ricavato dal concerto benefico ”Avrai” e dei 7mila euro raccolti dai bambini di Bangui – la capitale della Repubblica Centrafricana – per i loro coetanei di Norcia. Il concerto ”Avrai” – organizzato dalla Fondazione O’scia’ Onlus insieme alla Gendarmeria Vaticana – si è tenuto il 17 dicembre 2016, all’Aula Nervi – Città del Vaticano – ed è stato trasmesso in mondovisione attraverso Rai Italia – regia di Duccio Forzano – e le emittenti televisive cattoliche collegate con il CTV, e via radio, in diretta mondiale, a reti unificate, da Radio Vaticana, RTL 102.5 e Radio Zeta l’Italiana. L’intera serata – prodotta da Fep Group – è stata sostenuta da Siae e Poste italiane. I fondi raccolti contribuiranno alla ricostruzione sicura dell’unico luogo di aggregazione sociale del territorio: il Centro Parrocchiale Madonna delle Grazie di Norcia e all’ospedale pediatrico di Bangui. ”Ritrovarsi a Norcia, con Monsignor Galantino, Monsignor Vergez e il Comandante Giani – ha sottolineato Baglioni – significa dare concretezza a parole quali vicinanza e solidarietà, dimostrando che, a volte, le parole possono essere ”pietre” anche in senso positivo, vale a dire mattoni che aiutano a ricostruire ciò che la furia della natura distrugge”. ”Ma soprattutto – ha concluso Baglioni – siamo qui per sottolineare il grandissimo valore di umanità e fratellanza del gesto dei bambini di Bangui, i quali – pur vivendo in un Paese, la Repubblica Centrafricana, che è all’ultimo posto nella classifica mondiale per quanto riguarda il PIL pro-capite – non ci hanno pensato due volte a tendere la mano ai loro piccoli amici di Norcia. Un gesto che è una grande lezione per tutti noi e che fa sperare nel fatto che ”Fratello Sole” tornerà presto a riscaldare case e cuori”.