Terremoto: il 2 marzo la manifestazione delle province per modificare il decreto legge

MeteoWeb

Tutto pronto per la manifestazione che si svolgerà a Roma il 2 marzo per porre all’attenzione dell’opinione pubblica, del Governo e del Parlamento la necessita’ di una modifica al cosiddetto Decreto Sisma e il riconoscimento di una specificita’ teramana rispetto alla concatenazione di eventi calamitosi: lo annuncia il presidente della Provincia di Teramo Renzo Di Sabatino, che ha organizzato l’evento, che vede il patrocinio dell’Upi, l’adesione degli enti di Chieti e Pescara e, tra gli altri, varie associazioni di categoria, i sindacati confederali e Anci Abruzzo.

Una volta a Roma il corteo si dirigera’ a Piazza Santi Apostoli e da li’ una delegazione raggiungera’ Montecitorio. Gli organizzatori inoltre stanno lavorando per ottenere un incontro con le presidenze di Camera e Senato per consegnare alcune proposte di modifica al decreto. “Vogliamo ricordare a chi ha responsabilita’ di Governo quanto siano urgenti e gravi le questioni delle quali ci stiamo occupando e quanto queste siano nodali per l’intero Paese”, ha dichiarato Di Sabatino. “Cerchiamo soluzioni a una crisi che rischia di attanagliare non solo Teramo, non solo l’Abruzzo ma un importante pezzo dell’Italia Centrale sommandosi – ha aggiunto – a una mai risolta ‘questione meridionale’ ponendo, di fatto, in una condizione di subalternita’, un territorio che e’ stato per lunghi anni il cuore vivo dell’Appennino e un motore attivo per il Paese”.