Turismo Calabria, Confindustria Vibo: stagione a rischio per le mareggiate

MeteoWeb

“Le ultime mareggiate hanno dimostrato tutta la fragilita’ della nostra costa e l’inadeguatezza delle misure poste a salvaguardia del patrimonio paesaggistico. D’altronde, la piena fruizione delle nostre coste, l’erosione costiera e piu’ in generale la tutela del territorio rappresentano oggi come ieri, il punto nodale su cui ruota l’intera capacita’ di attrarre i potenziali visitatori (italiani e stranieri) su questo meraviglioso fazzoletto di terra’ che rappresenta un inimitabile patrimonio naturalistico e paesaggistico”: lo dichiarano Gaetano Macri’, presidente di Confindustria Vibo e Giovanni Imparato, a capo della Sezione turismo, a seguito dei danni provocati dal maltempo sulle coste calabresi, che invitano “gli enti locali a porre in essere comportamenti virtuosi e mettere a frutto i Fondi comunitari utili a fortificare le barriere, a porre in sicurezza le aree interessate dal dissesto idrogeologico ed a ripristinare, ove necessario, condizioni di difesa del suolo e di argine al verificarsi degli eventi naturali. La nostra e’ una regione che vanta 800 chilometri di coste che potrebbero rappresentare sempre piu’ una fonte primaria di lavoro, economia sostenibile e benessere, eppure stentiamo a difendere adeguatamente queste risorse e lasciamo che incuria e negligenza le trasformino in macerie e in diseconomie. Serve una efficace e tempestiva azione di coordinamento e di programmazione che sia vicina alle esigenze dei cittadini e delle imprese”. “E’ necessario ripensare il corretto utilizzo del suolo, investire in sicurezza e salvaguardia dall’erosione, definire piani pluriennali di intervento volti a mitigare gli effetti devastanti della natura sono solo le basi per poter poi affrontare successivamente il nodo dell’impiego della risorsa mare e delle coste come asset fondamentali della nostra offerta turistica. C’e’ la necessita’ di intervenire su urgenze che rischiano di compromettere la prossima stagione estiva, facendo perdere ulteriore attrattiva e competitivita’ al turismo calabrese. Anche in Calabria stiamo ancora pagando duramente il pasticcio di una riforma monca che ha generato enti locali incapaci di governare il territorio e che si muovono (poco) nella inqualificabile confusione e rassegnazione della loro stessa inutilita’. In questo senso e’ utile ripristinare un luogo di confronto ed un dialogo interistituzionale che metta nella giusta priorita’ azioni e programmi”.