Turismo: sempre più italiani visitano Dubai

MeteoWeb

Nel 2016, sono stati 14,9 milioni i visitatori che hanno pernottato almeno una notte a Dubai, pari ad una crescita del 5% rispetto al 2015. Molti di questi arrivano dall’Italia, dove cresce la percentuale di coloro che intendono visitare l’Emirato arabo. La percentuale di crescita tocca quota 8% se si considera il quadriennio 2012-2016, all’inizio del quale è stata lanciata la Dubai’s Tourism Vision 2020 che si prefigge l’obiettivo di raggiungere 20 milioni di visitatori annui entro il fatidico 2020. Il mercato italiano consolida la sua posizione nella lista dei Paesi Top 20 che maggiormente contribuiscono agli arrivi nell’Emirato. L’Italia chiude infatti il 2016 con 204.000 turisti, pari ad una crescita del 5% sull’anno precedente, consolidando e migliorando la performance già positiva registrata nel 2015 sul 2014 (195.000 visitatori, pari al 15% di crescita sul 2014). Gli arrivi dai Paesi che si affacciano sul Golfo si confermano i maggiori generatori di arrivi per Dubai e complessivamente rappresentano il 23% del totale delle presenze (3,4 milioni di visitatori). L’Arabia Saudita da sola ha registrato un totale di 1.638.000 unità, con una crescita percentuale del 6% rispetto al 2015, seguita dal Regno Unito con 1.245.000 visitatori (+6%), seguito a ruota dall’Oman con 1.037.000 arrivi (+3%). Se questi sono rispettivamente il secondo, terzo e quarto Paese per performance a livello mondiale, il gradino più alto del podio è detenuto saldamente dall’India con 1.800.000 arrivi registrati nel 2016 (pari ad un picco di crescita del 12% sul 2015). I visitatori dell’Europa occidentale mantengono la posizione di secondo mercato globale e rappresentano il 21% degli arrivi totali (3,1 milioni di visitatori). (AdnKronos)