Accadde oggi: nel 1971 la prima donna occidentale al Polo Nord

MeteoWeb

Era esattamente il 5 aprile 1971, quando la canadese Frances Phipps divenne prima donna non indigena a raggiungere il Polo Nord. Fino a qual momento l’unica donna occidentale che si era spinta così a nord, raggiungendo la Groenlandia, dove tra l’altro diede alla luce una figlia, fu la moglie di Robert Edwin Peary, l’ingegnere della Marina statunitense che per primo, nel 1909, raggiunse il Polo Nord non costeggiando le insidiose coste frastagliate ma addentrandosi sul Polo con le slitte. Quando Phipps arriva al Polo Nord è già iniziata una nuova era di imprese in slitta sui ghiacci artici, che richiamano le gesta leggendarie del primo 900, e in particolare l’impresa del Duca degli Abruzzi.

Nel 1925 l’esploratore norvegese Roald Amundsen dovette ammarare con il suo aereo a 88° di latitudine e l’anno dopo aveva raggiunto il Polo Nord a bordo del dirigibile Norge condotto da Umberto Nobile, che poi nel 1928, sarà testimone della tragedia del dirigibile Italia, nella cui operazione di soccorso troverà la morte lo stesso Amudsen. Nel 1926 il giovane aviatore della marina statunitense Richard E.Byrd raggiunse il Polo Nord a bordo del suo aereo, un Fokker, portando così a termine l’impresa sognata da Amudsen, ma anche da tanti altri prima e dopo di lui.

Risale poi al 1968 la spedizione di Ralph Plaisted che aveva raggiunto il Polo Nord con “gatti della neve“; l’anno successivo Wally Herbert condusse una spedizione transartica da Punta Barrow alle Svalbard con slitte e cani e nel 1970 lo stesso mezzo di trasporto verrà scelto dalla spedizione guidata dall’italiano Guido Monzino. E in quegli anni iniziarono anche le esplorazioni sottomarine. A dare il via erano stati, tanto per cambiare, gli americani, nel 1958 con il Nautilus e nel 1959 con lo Skate aprendo quindi la sfida con l’Urss: nel 1962 il sottomarino Leniski Komsomolets raggiunge il Polo Nord. Nello stesso 1971 in cui la canadese Phipps raggiunse il Polo Nord, ebbe luogo anche l’esplorazione artica del sottomarino inglese Dreadnought.