Energia, G7: domenica e lunedì focus su sicurezza e decarbonizzazione

MeteoWeb

Sicurezza degli approvvigionamenti energetici, reti elettriche e integrazione delle rinnovabili, efficienza energetica, decarbonizzazione, cybersicurezza delle reti elettriche e Ucraina. Sono questi alcuni dei temi che domenica e lunedì i ministri competenti in materia di Energia del G7 affronteranno. C’è attesa anche per la posizione che prenderà la nuova amministrazione Usa, che nella capitale sarà rappresentata dal segretario all’Energia, Rick Perry. Il G7 Energia di quest’anno, che sarà inaugurato dal ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda domenica, porta a compimento il percorso avviato a Roma nel maggio del 2014 e successivamente sviluppato nelle riunioni ministeriali che si sono svolte negli ultimi due anni in Germania e in Giappone, durante le quali la sicurezza energetica è stata analizzata in relazione alla sostenibilità e alla crescita economica globale.
Il G7 Energia, spiega il direttore generale per la sicurezza dell’approvvigionamento e per le infrastrutture energetiche del ministero dello Sviluppo economico, Gilberto Dialuce, “sarà incentrato sulla sicurezza energetica ma anche sulle sfide che sta affrontando il settore: dalla diversificazione delle rotte di approvvigionamento del gas naturale, che continuerà ad essere un elemento portante per il prossimo futuro al mercato globale del Gnl; dalla Cybersicurezza delle reti elettriche all’integrazione delle rinnovabili; dall’efficienza energetica alle dinamiche dell’occupazione nella transizione energetica; dalla ricerca e innovazione alla decarbonizzazione; dai trasporti ‘low carbon’ ai carburanti alternativi; dall’eliminazione progressiva dei sussidi inefficienti alle fonti fossili all’accesso all’energia in Africa”.
Questa riunione ministeriale, inoltre, sottolinea Dialuce, “sarà anche un’occasione di confronto con la nuova amministrazione Usa che sta assumendo posizioni diverse rispetto al passato per quanto riguarda la politica energetica nazionale”. (AdnKronos)