Guidonia, AIDAA: scomparsi (rubati?) alcuni cani delle cave

MeteoWeb

“Una segnalazione ai carabinieri dei NAS del ministero della salute è stata inviata oggi dal presidente nazionale AIDAA Lorenzo Croce in merito alla sparizione di una decina di cani randagi (ma alimentati e curati dai cittadini e dai volontari della stessa associazione) che vivono nella zona delle cave di Tivoli e Guidonia. Secondo quanto si è appreso – spiega l’associazione AIDAA – i cani sarebbero scomparsi tra la serata di domenica 23 e le prime ore di lunedi 24 aprile quando nella zona di Via del Barco a Tivoli (a poche centinaia di metri dalle cave stesse) è stato visto un furgone ford transit blu già noto ai volontari per aver in passato raccolto dei cani dalla zona e poi scomparsi nel nulla (la cui targa ed il nome del proprietario sono gia stati segnalati ai carabinieri) dopo essere passati dalle mani di un noto veterinario romano che opera come catturatore professionista di cani per conto di associazioni che poi li trasferiscono in Germania e nei paesi del nord Europa facenti capo ad una cittadina di origine austriaca residente nel Lazio. I cani scomparsi sono tutti di taglia medio grande e questo fa pensare che per essere stati caricati di notte siano stati prima narcotizzati.”

“I cani randagi sono curati dai nostri volontari della zona-  i dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA – ed ora ancora una volta ci troviamo di fronte a catture e spostamenti notturni di altri cani. La situazione è grave, i trafficanti rubano i cani di notte per chipparli, sterilizzarli e poi trasferirli facendoseli pagare nei canili della Germania dove oltre che essere adottati possono anche essere dopo alcuni mesi utilizzati per la sperimentazione farmacologica, noi abbiamo fatto nomi e cognomi ai carabinieri che dovranno ora far luce sia sul fatto singolo, sia su questo traffico apparentemente regolare ma che in realtà nasconde un lucro molto forte sulla pelle degli animali.”