Ambiente, Lago di Bracciano: il sindaco di Anguillara chiede un tavolo di crisi ministeriale

MeteoWeb

E’ “preoccupante” la situazione del Lago di Bracciano, che sconta gli effetti di una situazione climatica particolare, con un inverno e una primavera insolitamente avari di piogge. “E la recente comunicazione dell’Acea che ha deciso di aumentare per i mesi di giugno, luglio e settembre i prelievi di acqua rispetto a quanto stabilito, ovvero 800 litri al secondo, rischia di peggiorare ulteriormente le cose”, dice all’AdnKronos il sindaco di Anguillara Sabazia, Sabrina Anselmo. “Con gli altri sindaci dei Comuni che si affacciano sul lago -prosegue la prima cittadina di Anguillara- abbiamo così deciso di muoverci congiuntamente in una battaglia di salvaguardia ambientale che coinvolgerà anche il Consorzio Lago di Bracciano e l’Ente Parco Bracciano-Martignano”. L’iniziativa si concretizzerà già da domani in appuntamenti di mobilitazione sul territorio, mentre una lettera congiunta inviata ai ministeri dell’ambiente, dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture chiederà l’apertura di un ‘tavolo di crisi’ per trovare soluzioni al progressivo depauperamento delle acque del lago. “Vogliamo essere uniti in questa lotta, parlare ad una voce sola. E’ necessario -osserva Sabrina Anselmo- mettere in atto iniziative che consentano di diversificare le sorgenti di prelievo senza limitarle alla sola captazione dal Lago di Bracciano e bisogna combattere gli sprechi, cominciando quando possibile con la limitazione delle irrigazioni pubbliche”.