Cina: è il Paese con il maggiori numero di sfollati interni al mondo

MeteoWeb

Più di 31 milioni di persone nel mondo sono profughi all’interno del loro Paese a causa di guerre, violenze e catastrofi naturali. Questo dato del 2016 è stato fornito dal Centro di monitoraggio internazionale dei profughi del Consiglio dei rifugiati norvegese, mostra Cina come paese nel quale questo fenomeno è più presente. Tra i 6,9 milioni di persone nuove che hanno dovuto lasciare le loro case per una guerra, 922mila sono recensite nella Repubblica democratica del Congo, 824mila in Siria, 659mila in Iraq, 653mila in Afghanistan, 501mila in Nigeria e 478mila in Temen.

Ma la maggior parte dei profughi interni sono provocati dalle catastrofi naturali. Si parla di 24 milioni di persone colpite da inondazioni, terremoti, tempeste, incendi e neve. La Cina nel 2016 ha registrato 7,4 milioni di sfollati, le Filippine 5,9 milioni, l’India 2,4 milioni e l’Indonesia 1,2 milioni. “Il numero dei profughi interni supera quello dei rifugiati in altri paesi di due a uno. E’ dunque urgente rimettere i profughi interni al centro delle agende mondiali”, ha detto il capo del Consiglio dei rifugiati norvegese Jan Egeland.