Clima & Salute: il riscaldamento globale minaccia anche i batteri intestinali

MeteoWeb

Il riscaldamento globale minaccia la biodiversita’ del pianeta non solo perche’ trasforma gli habitat di piante e animali, ma perche’ avrebbe effetti anche sui batteri intestinali degli organismi. A questa conclusione è giunto uno studio di scienziati britannici e francesi. Pubblicato sulla rivista Nature Ecology & Evolution, lo studio e’ stato condotto dalle universita’ di Exeter e Tolosa e si e’ concentrato sul microbiota intestinale delle lucertole comuni. I ricercatori hanno osservato che con un aumento di temperatura di 2-3 gradi nelle lucertole si perde il 34% della diversita’ di microrganismi intestinali. E questo, spiegano, ha un impatto anche sulle loro possibilita’ di sopravvivenza.

C’e’ bisogno di altri esperimenti“, spiega la ricercatrice Elvire Bestion, “ma e’ fortemente probabile che effetti simili possano essere riscontrati anche in altri ectotermi, cioe’ animali a sangue freddo come rettili e anfibi il cui corpo si riscalda da fonti esterne”. “Solo ora cominciamo a capire l’importanza del microbiota intestinale nella fisiologia di tutte le specie, uomo compreso”, sottolinea Bestion. “Questi batteri sono collegati a tutto, dalla digestione alle difese immunitarie, all’obesita'”, aggiunge, “ma ancora nessuno ha studiato come reagiranno ai cambiamenti climatici”.