Inchiesta Rigopiano: dirigente della Protezione civile sentito dal Pm

MeteoWeb

Questa mattina, dopo la richiesta dei legali del sindaco di Farindola (Pescara) Ilario Lacchetta e del tecnico comunale Enrico Colangeli (entrambi indagati), è stato sentito dal Pm della Procura di Pescara Andrea Papalia, Sabatini Belmaggio, dirigente del Servizio Prevenzione dei Rischi di Protezione Civile, nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Pescara sul disastro dell’Hotel Rigopiano nel quale morirono 29 persone in seguito alla valanga dello scorso gennaio. Secondo la tesi dei legali del sindaco ‘Se la Regione Abruzzo, come previsto avesse realizzato la Carta di Localizzazione dei Pericoli da valanga (Clpv), oggi le 29 persone morte a Rigopiano sarebbero vive. Nel marzo del 2014 la Regione diede l’ordine alla Protezione civile di redigere la Clpv, essenziale per applicare la norma. La legge avrebbe imposto vincoli edilizi e ordini di sgombero per tutte le strutture situate in aree vanghe e dunque non ci sarebbe stato il disastro dell’Hotel Rigopiano’.