Tumori: un telefono amico per le donne col cancro all’ovaio, il progetto Acto

MeteoWeb

Un telefono amico per le donne che ricevono una diagnosi di tumore ovarico. Una malattia ‘cattiva’ che fa paura e disorienta le persone colpite, per le quali quindi informazione e sostegno diventano fondamentali. E’ il progetto di Acto Onlus, alleanza contro il tumore ovarico, illustrato dalla presidente dell’associazione, Nicoletta Cerana, ieri sera a Roma in occasione della cena di beneficenza in ricordo di Mariaflavia Villevieille Bideri, fondatrice e primo presidente di Acto. Un’iniziativa di raccolta fondi sostenuta da Roche proprio a favore del progetto ‘Pronto Acto’. L’idea della prima linea telefonica nazionale di aiuto e sostegno a disposizione delle donne colpite da tumore ovarico e dei loro familiari nasce, ha spiegato Cerana, “dalla volontà di fornire alle donne un punto di riferimento, una voce vera e concreta, oltre alle informazioni trovate su Internet, per superare la solitudine e lo smarrimento che coglie ogni donna al momento della diagnosi. E soprattutto per impedire che il senso di urgenza spinga a scelte di cura sbagliate. Pronto Acto sarà infatti uno spazio di ascolto, di accoglienza e soprattutto di orientamento ai centri di cura specializzati nel trattamento del tumore ovarico, neoplasia estremamente complessa che deve essere trattata solo da specialisti e in chiave multidisciplinare“. Attraverso la linea telefonica dedicata – che si avvarrà della presenza anche di una psicologa e di un legale – le pazienti potranno avere informazioni sulla malattia, sostegno psicologico e consulenza per l’accesso ai benefici previsti dalla legge a livello lavorativo, assistenziale e previdenziale. L’associazione, in occasione della quinta Giornata mondiale sul tumore ovarico che si è celebrata l’8 maggio, ha avviato inoltre – insieme a Zao Organic Make-up e con il sostegno di Roche – la terza edizione di ‘Sguardi d’energia’, campagna in cui, alle pazienti degli ospedali specializzati nella cura del tumore ovarico, viene offerta una settimana di sedute individuali di trucco gestite da make-up artist professionisti. Iniziativa che vuole rispondere al bisogno della donna con tumore ovarico di mantenere la sua integrità come persona e ritrovare l’attenzione quotidiana alla propria femminilità.