Demenza senile: cambiare stile di vita ne diminuisce il rischio

MeteoWeb

Secondo un recente studio pubblicato da Lancet e presentato all’Alzheimer’s Association Internationl Conference, la Conferenza dell’associazione internazionale Alzheimer, a Londra per diminuire il rischio di semenza senile la soluzione sarebbe cambiare il proprio stile di vita, ma farlo nei tempi giusti, ovvero in un’età già non avanzata. Tra l’elenco dei nove fattori rivelati dallo studio, che possono contribuire a sviluppare la demenza in eta’ avanzata ci sarebbero: la perdita dell’udito, la mancanza di istruzione, la depressione, il fumo, l’inattivita’ fisica, l’isolamento sociale, l’alta pressione, l’obesita’ e il diabete di tipo 2. Questi fattori, che secondo i ricercatori possono essere modificati, aggiungono un 35% al rischio di demenza, mentre il 65% restante di rischio non dipende dal controllo della persona. Secondo gli esperti rispetto alle attuali 47 milioni di persone che attualmente soffrono di questa problematica, entro il 2050, l’incremento previsto potrebbe portare a vedere ben 131 milioni di persone soffrire di demenza senile in tutto il mondo.