Siccità, Realacci: il vero spreco è in agricoltura

MeteoWeb

La situazione che riguarda Roma è “incredibile perche’ la Capitale ha ottime fonti idriche, in parte le stesse di duemila anni fa. Ma negli anni passati non sono stati fatti investimenti e le perdite nelle tubature sono del 44%, molto sopra la media nazionale che e’ del 38%“: lo dichiara Ermete Realacci (Pd), presidente della commissione Ambiente alla Camera, in un’intervista al Corriere della Sera. “Bisogna diminuire l’uso domestico, ma il grosso del consumo di acqua, la meta’ del totale, e’ in agricoltura, dove si usa anche la potabile. Bisognerebbe realizzare irrigazioni moderne per il recupero e il riuso, ed evitare i metodi a pioggia e a scorrimento“. “Il Comune che ha incassato da Acea 70 milioni dalle bollette dei romani, avrebbe potuto dedicare una somma per le riparazioni delle tubature“.

Ora “pensiamo all’autunno, quando avremo piogge violentissime che creeranno melma e fango sui terreni colpiti da incendi che non possono assorbire le precipitazioni“.