Tumore: per le donne fa diminuire di quasi il 40% la possibilità di avere figli

MeteoWeb

Per le donne che hanno avuto un tumore, la possibilita’ di avere figli si riduce quasi del 40%. In particolare dopo un trattamento oncologico. A questa conclusione è giunto un ampio Studio presentato al 36/o congresso della Societa’ Europea di Riproduzione Umana ed Embriologia (Eshre), in corso a Ginevra. Il trattamento dei tumori femminili puo’ avere effetti negativi su ovaie, utero e centri cerebrali che controllano l’asse riproduttivo, diminuendo, come noto, la possibilita’ di avere figli. Per quantificare questa riduzione, i ricercatori del Queen’s Medical Research Institute dell’Universita’ di Edimburgo hanno esaminato i dati di 23.201 donne e ragazze sotto i 39 anni, sopravvissute a un cancro diagnosticato tra il 1981 e il 2012.

Hanno cosi’ scoperto che si erano verificate 6.627 gravidanze, a fronte delle quasi 11.000 previste: ovvero coloro che erano sopravvissute al cancro, avevano il 38% in meno di probabilita’ di raggiungere una gravidanza rispetto alle donne della popolazione generale. La probabilita’ era ridotta in tutte le fasce d’eta’, ma i tassi erano piu’ bassi nelle donne con cancro cervicale, al seno e leucemia. I tumori diagnosticati piu’ tardi (2005-2012), pero’, erano associati a piu’ alti tassi di gravidanza rispetto a quelli diagnosticati in precedenza (1981-1988), suggerendo che nel corso degli anni l’impatto sulla fertilita’ e’ diminuito. Un sempre maggiore impegno in questa direzione, sottolineano i ricercatori, e’ importante in virtu’ dei migliorati tassi di sopravvivenza e dei miglioramenti nelle tecniche per la conservazione della fertilita’, come il congelamento delle uova e del tessuto ovarico.