E’ ancora emergenza incendi nel reatino: evacuate delle abitazioni

MeteoWeb

E’ emergenza totale in tutta la parte alta della provincia di Rieti, dove una serie di Incendi stanno tenendo impegnati decine di uomini e mezzi, dislocati su diversi e numerosi fronti. Il piu’ grande, al momento, e’ quello del Monte Giano, ad Antrodoco, dove le fiamme stanno bruciando la parete ovest ormai da quasi una settimana, distruggendo anche la storica scritta “Dux”. Su ordinanza del sindaco del paese reatino, Alberto Guerrieri, e’ stata disposta l’evacuazione di evacuazioni per 5 abitazioni situate in localita’ Rapelle, lungo la Salaria per L’Aquila, dove il traffico procede in senso alternato. Sul posto sono in azione da stamattina squadre di vigili del fuoco e protezione civile, supportate da un elicottero e un canadair.

Anche a Poggio Bustone un vasto incendio si e’ propagato fino a portarsi a ridosso delle abitazioni del centro abitato, mentre le fiamme che dalla scorsa notte interessano l’area di Monte Prato, nel territorio del Comune di Cittareale, si sono propagate fino al versante amatriciano, avvicinandosi al territorio del Comune distrutto dal terremoto del 24 agosto 2016. La centrale operativa dei vigili del fuoco di Rieti e’ impegnata inoltre in altri fronti d’emergenza: sono segnalati Incendi anche nel territorio di Borbona, in localita’ Valle Mare, nei comuni di Pescorocchiano e Petrella Salto, e in localita’ Sant’Elia, a Rieti, dove da giorni un incendio sta tenendo impegnati vigili del fuoco e volontari della Protezione Civile.

“Ancora una volta e con maggiore incisivita’ siamo tornati a chiedere al comandante provinciale dei Vigili del fuoco di Rieti di potenziare il dispositivo di soccorso al fine di fronteggiare una emergenza Incendi che, con ogni evidenza, e’ fuori controllo”. E’ quanto afferma Andrea Faraglia, segretario provinciale di Rieti del Conapo dei Vigili del fuoco. “L’intero territorio e” in fiamme, e la sola persona a non essersene accorta pare essere proprio il nostro comandante. Da giorni bruciano vaste aree boschive. Per non parlare del disastro ormai fuori controllo del Monte Giano dove, insieme all’immenso patrimonio boschivo, e’ andata in fumo anche la scritta ‘Dux’. Riteniamo inaccettabile e incomprensibile il disinteresse e la sottovalutazione rispetto ad una problematica che, senza un cambio di rotta immediato, potrebbe generare conseguenze imprevedibili e ancora piu” gravi”.

“Per l’incendio sulla montagna di Cittareale e’ prioritario l’utilizzo di mezzi aerei. Si tratta di un fenomeno che va affrontato subito per evitare il propagarsi delle fiamme nei boschi vicini ed anche nel versante amatriciano”. Esprime grande preoccupazione il sindaco di Cittareale, Francesco Nelli, in merito all’incendio attivo da questa mattina sulle pendici del Monte Prato, nel territorio del Comune reatino gia’ colpito dal terremoto del 24 agosto 2016. Incendio che, nella notte, ha lambito alcune abitazioni del centro abitato, prima di essere stato domato. “Abbiamo fatto quanto potevamo – prosegue Nelli – in tanti ci siamo attivati questa notte per affrontare le fiamme. Ma il fuoco ha ripreso in questi minuti e sono preoccupato per quello che potrebbe accadere. Solo l’intervento aereo puo’ scongiurare danni maggiori”.