Eclissi Solare, milioni col naso all’insù negli USA: Trump la “sbircia” senza occhiali protettivi e scatena l’ironia del web [FOTO e VIDEO]

  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
  • Foto Lapresse
    Foto Lapresse
/
MeteoWeb

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sbircia per qualche secondo il sole senza occhiali protettivi mentre e’ in corso l’eclissi, contravvenendo cosi’ ai consigli ripetuti da piu’ parti di proteggere accuratamente gli occhi. Al punto che collaboratori del presidente gli urlano: “Non guardi!“, mentre, con accanto la first lady Melania e il figlio minore Barron, Trump si gode lo spettacolo dal portico sul lato sud della Casa Bianca, inforcando poi gli appositi occhiali. La sua sbirciata senza protezione ha scatenato l’ironia social.

Le immagini mostrano il presidente Usa sul balcone della Casa Bianca intitolato a Truman che si toglie momentaneamente gli occhiali protettivi, saluta la folla sul prato e rivolge brevemente lo sguardo in su’, puntando con il dito al cielo, quando un suo collaboratore lo invita a non guardare stando a quanto riferito da giornalisti al seguito. Il presidente rimane poi a godersi il fenomeno, con gli occhialini protettivi, per circa un minuto e mezzo durante il picco raggiunto a Washington intorno alle 14.40 locali (le 20.40 in Italia). Quando un reporter gli chiede “com’e’ la vista” il presidente risponde con i pollici alzati. Diversi membri dell’amministrazione e collaboratori del presidente erano presenti alla Casa Bianca per ammirare l’eclissi: il ministro della Giustizia, Jeff Sessions, il ministro del Commercio, Wilbur Ross, la consigliere Kellyanne Conway, la responsabile della comunicazione (ad interim) Hope Hicks e Ivanka.

Ma a prescindere dalla Casa Bianca, dal Pacifico all’Oceano Atlantico, l’America intera si e’ fermata per assistere a un evento definito dagli esperti ‘storico’, uno spettacolo che non accadeva da 99 anni: il ‘sole nero’, totalmente oscurato dalla luna e che e’ scomparso lungo un ‘coast to coast’ che ha tenuto oltre 200 milioni di persone col naso all’insu’. Miliardi in tutto il mondo hanno assistito all’eclissi piu’ social di sempre in tv o sulla rete. ‘The Great American Eclipse’ – come e’ stata ribattezzata nell’era del tycoon – e’ partita dagli scogli rocciosi di Yoquina Head, a sudovest di Portland, in Oregon, accolta dalle grida di entusiasmo di milioni di persone scese in strada. Erano le 10.20 ora locale (le 19.20 in Italia). In un’ora e mezza circa l’eclissi, sfrecciando da ovest a est, ha oscurato il cielo in 12 Stati, attraversando per 4 mila chilometri il cuore degli Stati Uniti e giungendo fino alle coste della South Carolina. Molte delle aree piu’ remote del Paese sono state letteralmente prese d’assalto, con milioni di persone messesi in viaggio negli ultimi giorni per godersi lo spettacolare fenomeno nei luoghi piu’ isolati e suggestivi. Un’isteria collettiva, ha commentato qualcuno, che ha portato ad un boom turistico senza precedenti: dai grandi parchi del Wyoming e dell’Idaho ai villaggi piu’ sperduti del Midwest, passando per le grandi pianure del Kansas e del Nebraska. Spesso posti in cui e’ davvero difficile vedere anima viva. Ma l’eclissi-mania ha contagiato anche chi e’ rimasto nelle metropoli della costa orientale, da Boston a Washington passando per Filadelfia. Anche a Manhattan la gente si e’ assiepata sui tetti dei grattacieli, sulle rive dell’Hudson e lungo la costa che si affaccia sulla baia di New York, anche se lo spettacolo e’ stato in parte rovinato dal cielo nuvoloso. Chi e’ rimasto a casa o in ufficio ha potuto fare a meno degli occhialetti (del resto introvabili da giorni) e godere dello spettacolo su computer, tablet e smartphone. La ‘grande eclissi’ e’ stata infatti seguita in diretta in tutto il mondo su Facebook Live, YouTube, Twitter, Instagram, sul sito della Nasa e su quelli dei principali media. Dirette anche su tutte le principali rete televisive americane: Cbs, Nbc, Abc, Cnn, tutte per un giorno hanno messo in secondo piano la cronaca politica, con l’eclissi che per qualche ora e’ riuscita ad oscurare anche le tormentate vicende dell’amministrazione Trump. L’ultima eclissi totale e ‘coast to coast’ negli Usa risale al 29 maggio 1919. L’ultima eclissi totale e’ del 1979, visibile solo in alcune regioni. Per vedere la prossima bisognera’ aspettare il 2024, quando il sole si oscurera’ a partire dal Messico e fino al Canada. Il fenomeno e’ stato visibile (seppur parzialmente) anche in alcune regioni dell’Europa (non in Italia), dell’Africa e dell’America Centrale.