Tecnologia: ecco le biobatterie che si attivano con la saliva

MeteoWeb

Un team di ricerca guidato dal professor Seokheun Choi, della Binghamton University di New York, già ideatore delle prime batterie di carta, ribattezzate papertronics, è l’autore di una rivoluzionaria invenzione tecnologica: le biobatterie che si attivano con la saliva.

La loro energia, infatti, viene generata da batteri liofilizzati e inattivi, “risvegliati” da qualche goccia di fluido biologico (saliva), in modo da produrre energia in breve tempo.

BIOBATTERIA 1Tanti i vantaggi rispetto alle soluzioni energetiche tradizionali. I fluidi biologici necessari all’attivazione, infatti, sono reperibili anche in situazioni di risorse più limitate e la liofilizzazione impedisce che i batteri si degradino o denaturino, garantendo una conservazione a lungo termine.

BIOBATTERIA 2Pensate per fronteggiare le proibitive condizioni di assistenza medica nelle località remote dei paesi più poveri, dove l’elettricità è un miraggio, al momento hanno un potenziale piuttosto limitato. La densità di energia è di pochi microwatt per centimetro quadrato, sufficienti per accendere un led. In futuro le biobatterie potranno alimentare sensori, utili a diagnosticare malattie in situazioni estreme, es. in Paesi in via di sviluppo, riducendo, al contempo, l’inquinamento ambientale.