Maltempo, catastrofe per le alluvioni in Asia: bilancio sempre più grave, oltre 250 morti e 20 dispersi tra India, Nepal e Bangladesh

MeteoWeb

Un’ondata di piogge torrenziali, straripamenti di fiumi, inondazioni e frane hanno colpito tre Paesi dell’Asia meridionale (Nepal, Bangladesh ed India) con un bilancio di 252 morti e almeno 20 dispersi. Il numero piu’ alto di vittime causato da frane e crolli di edifici, sostengono i media della regione, e’ stato registrato nello Stato settentrionale indiano di Assam, dove negli ultimi giorni almeno 2.250.000 persone sono state colpite in varia misura, con un bilancio di almeno 99 morti. Per due volte in due giorni il primo ministro indiano Narendra Modi ha telefonato al ‘chief minister’ (governatore) dell’Assam, assicurandogli la massima disponibilita’ di uomini e mezzi per i soccorsi in corso. Ed e’ emergenza anche in Nepal, ribadisce oggi il quotidiano Republica di Kathmandu, dove da venerdi’ il monsone stagionale ha riversato piogge incessanti nel sud del Paese. I morti sono almeno 80, mentre decine di migliaia di persone hanno subito danni totali o parziali alle case.  I 600 turisti che ieri erano rimasti bloccati in Nepal nell’area del parco naturale di Chitwan a causa delle alluvioni hanno abbandonato la zona. Lo riferisce a Efe un funzionario della polizia locale, Durga Bahadur Kunwar. “C’erano circa 600 turisti a Sauraha e tutti hanno già abbandonato la zona”, ha riferito. Continuano intanto le operazioni di soccorso anche nello Stato settentrionale indiano di Himachal Pradesh, dove sabato notte una frana provocata dai temporali si e’ abbattuta su due autobus che sostavano su una piazzola di sosta lungo la statale Mandi-Pathankot. Le vittime sono 46, mentre i soccorritori cercano fra la terra ed il fango i corpi di almeno altri undici passeggeri. Infine la situazione meteorologica e’ peggiorata anche in Bangladesh, dove decine di villaggi in 19 distretti settentrionali, di cui tre principali (Dinajpur, Lalmonirhat e Kurigram), hanno causato gravi danni e la morte di 27 persone.