Nel Golfo del Messico manca ossigeno: si è formata una ‘zona morta’ da record, in pericolo la vita dei pesci

MeteoWeb

Nelle acque del Golfo del Messico l’ossigeno diminuisce sempre di più e si è venuta a creare una “zona morta” da record. Lo conferma la Noaa, l’agenzia meteo americana, che ha misurato un’area con bassi livelli di ossigeno di quasi 23 mila chilometri quadrati, quanto la superficie del New Jersey. Per gli scienziati e’ la maggiore mai osservata dal 1985, da quando sono cominciate le rilevazioni. Le “zone morte” marine sono quelle in cui i livelli di ossigeno sono talmente bassi da mettere in pericolo la vita dei pesci. Un contributo decisivo, spiega l’agenzia Usa, arriva dall’inquinamento portato in mare dal fiume Mississippi. Nutrienti derivanti da concimi, fertilizzanti e altre sostanze usate dell’industria agricola che stimolano una crescita record di alghe che “rubano” l’ossigeno al mare.

Una tale perdita puo’ obbligare i pesci a spostarsi in altre zone per sopravvivere, puo’ diminuirne le capacita’ riproduttive e ridurre quantita’ e qualita’ del pescato. Con conseguenze non solo per l’habitat marino, ma anche per l’industria ittica della regione. Tra i responsabili di questo fenomeno ci sarebbe anche l’industria della carne, gia’ sotto la lente degli ambientalisti per il suo ruolo nel riscaldamento globale e nella deforestazione. Un rapporto dell’associazione Mighty evidenzia che gran parte dell’inquinamento da concimi e fertilizzanti nel Golfo del Messico proviene dalle enormi quantita’ di mais e soia utilizzate per allevare animali da macello. Secondo l’associazione, tra le aziende piu’ “inquinanti” c’e’ il colosso Tyson Foods.