Petrolio: l’uragano Harvey pesa sull’industria statunitense, stop per 98 piattaforme

MeteoWeb

L’Uragano Harvey, uno dei peggiori che ha colpito gli Usa negli Usa, ha conseguenze pesanti anche sull’industria petrolifera statunitense. Secondo i dati diffusi dal Bsee, l’ufficio di regolazione ambientale e della sicurezza, sono state evacuate per misure cautelare ben 98 piattaforme di produzione petrolifera nel Golfo del Messico, ossia il 13,3% dei 737 piattaforme presenti nel Golfo del Messico.
Secondo il rapporto degli operatori si stima che circa il 18,94% della produzione attuale di greggio, pari a 1.750.000 barili di petrolio al giorno, nel Golfo del Messico è stata sospesa (circa 331.370 barili di petrolio al giorno). Inoltre è stato stimato che circa il 18,12% della produzione di gas naturale è stata sospesa.
Dopo la tempesta, sottolinea il Bsee, “le strutture saranno ispezionate e una volta completati tutti i controlli standard la produzione verrà riavviata“.