Ricerca: dai coccodrilli il “segreto” per battere il colera

MeteoWeb

Un gruppo di 9 studenti francesi ha deciso di sfruttare una caratteristica dei coccodrilli per trovare strumenti più semplici ed efficaci rispetto a quelli esistenti per battere il colera: l’equipe di studenti dell’Insa di Lione, dell’Insa di Tolosa et dell’università Paul Sabatier di Tolosa parteciperà all’International Genetically Engineered Machine competition (iGem), concorso internazionale in biologia sintetica e in bioingegneria, in programma a Boston.

I giovani ricercatori puntano a riprodurre, in laboratorio, con il progetto Croc’n Cholera, il sistema immunitario del coccodrillo. Il primo passo è la modifica un microrganismo non patogeno che viene reso in grado di individuare il vibrione del colera. Il ‘messaggio’ di riconoscimento arriverà ad un lievito che produrrà peptidi anti microbici derivati dal coccodrillo. In questo modo l’epidemia potrà non solo essere individuata ma anche trattata.