Ricerca: “la memoria è un gioco di squadra”

MeteoWeb

Lo studio realizzato dal dipartimento Synaptic plasticity of inhibitory networks dell’Istituto italiano di Tecnologia guidato dal genovese Andrea Barberis servira’ a comprendere i meccanismi che innescano patologie come autismo e epilessia. Lo studio svela come nel sistema nervoso esistano molte piu’ connessioni tra i neuroni, rispetto a quanto gia’ noto fino a oggi. “Possiamo immaginare – spiega Barberis – il nostro sistema nervoso come una squadra di calcio in cui i giocatori, cioe’ le sinapsi, si passano la palla non solo in direzione della porta ma anche tra giocatori in linea. La palla e’ rappresentata dai recettori, strutture che vengono attivate dai neurotrasmettitori, sostanze che veicolano informazioni tra i neuroni. La memoria e’ un gioco di squadra”. I risultati ottenuti dai ricercatori Iit, inoltre, gettano le basi per studi futuri mirati alla lotta contro malattie neuropsichiatriche di cui ancora si conosce poco come autismo e epilessia legate a disfunzioni delle sinapsi.