Uragano Harvey: ecco il bilancio che si aggrava sempre di più con decine di morti ed esplosioni [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

L’Uragano Harvey si sta spostano nell’entroterra della Louisiana, ma dietro di sé ha lasciato solo devastazione. Allagamenti e distruzioni hanno messo sotto scacco il Texas, con almeno 38 morti. Intanto si è rivelato reale l’allarme nell’impianto chimico Arkema di Crosby, a nord-est di Houston: il guasto del sistema di raffreddamento causato dall’alluvione ha prodotto due esplosioni che hanno rilasciato colonne di denso fumo nero. Le autorita’ locali avevano ordinato l’evacuazione in un raggio di tre chilometri. La polizia della contea di Harris ha riferito su twitter che 10 persone, tra cui un vice sceriffo, sono state portate in ospedale dopo aver inalato del fumo.

C’e’ una minima possibilita’ di diffusione di perossido organico nelle acque”, ha segnalato alla Cnn la compagnia che gestisce l’impianto. Le violenti piogge si sono arrestate, la tempesta e’ stata declassata nella notte a depressione tropicale, ma “il peggio non e’ passato“, hanno avvertito le autorita’ dello Stato, segnalando che ci sono ancora molte persone intrappolate nelle case allagate e 17 dispersi nella contea di Harris. La tempesta continua la sua marcia verso Est, verso la Louisiana, causando allagamenti e devastazione. A Beaumont e Port Arthur, a poco piu’ di cento chilometri a Est di Houston, sono caduti 60 centimetri di pioggia in sole 24 ore. La Fema (Federal Emergency Management Agency), la protezione civile americana e’ ricorsa ad elicotteri militari per portare cibo e acqua alle persone che non sono riuscite ad evacuare.

Ci sono ancora molte zone non accessibili via terra e dobbiamo portare ai sopravvissuti aiuti di cruciale importanza“, ha spiegato una portavoce della Fema. La citta’ di Beaumont ha perso tutte le sue riserve d’acqua. Il governatore del Texas, Greg Abbott, ha annunciato il dispiegamento immediato di altre Guardie Nazionali, portando il totale a 24.000, compresi 10.000 uomini provenienti da altri stati. Tra le vittime della tempesta anche un’intera famiglia: quattro nipoti del conducente di un van, di 6, 8, 14 e 16 anni e i loro bisnonni di 84 e 81, Manuel e Belia Saldivar, malati di alzheimer, sono morti annegati in un furgone guidato dallo zio delle 4 giovani vittime, unico superstite, nella zona di Greens Bayou, appena fuori Houston.

Secondo le previsioni, Harvey dovrebbe spostarsi a nord-est, in Mississippi. In Texas si stimano danni per 58 miliardi di dollari (49 miliardi di euro) il 90% dei quali dovuti alle inondazioni, secondo il Centro gestione disastri e riduzione dei rischi con base a Karlsruhe, in Germania. Se la stima dovesse essere confermata, si tratterebbe del nono peggior disastro naturale nel mondo dal 1900. A causa della chiusura delle raffinerie, il prezzo del petrolio scende ancora: sui mercati asiatici i future sul Light crude Wti scendono di 3 cent a 45,93 dollari e quelli sul Brent calano di 6 cent a 50,80 dollari.