BRA Day 2017: raccontare (con le immagini) per superare l’esperienza del tumore al seno

MeteoWeb

Abitudine femminile per definizione, il racconto – si sa – ha anche risvolti terapeutici. Riavvolgere il filo, mettere gli eventi in sequenza e ripensarli aiuta a rielaborare. In una parola, a superare l’esperienza, in questo caso l’esperienza del tumore al seno.

Ecco perché, per il secondo anno consecutivo, la Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica SICPRE ha intrapreso in occasione del BRA Day – la giornata per la consapevolezza della ricostruzione mammaria, che si celebra il 18 ottobre –  iniziative che coinvolgono l’attività del raccontare, con strumenti e modi differenti.

E con una sensibilità nuova, quella di Adriana Cordova, primo presidente donna della SICPRE e prima donna alla guida di una Società chirurgica in Italia.

“Quest’anno invitiamo le pazienti, ma anche i loro familiari – dice Cordova, docente di  Chirurgia Plastica all’Università di Palermo – a partecipare a E io torno a volare, concorso fotografico lanciato da Beautiful After Breast Cancer Italia Onlus in collaborazione con Obiettivo Fotografico. È un’iniziativa che idealmente prosegue quella che ho personalmente lanciato lo scorso anno, il premio letterario Quelle BRAve Ragazze, da cui è nata un’antologia pluripremiata, ora in fase di traduzione in due lingue”.

E io torno a volare: raccontare per immagini

C’è tempo fino al 10 ottobre per partecipare a “E io torno a volare”, inviando 1, 2 o 3 fotografie accompagnate da una didascalia o da un mini racconto (massimo 60 parole).

Una prestigiosa commissione di esperti in comunicazione selezionerà i 10 vincitori, che verranno premiati il 18 ottobre, in occasione del BRA Day, nelle vari sedi d’Italia.

Le foto vincitrici verranno poi esposte nella mostra in via dei Cerchi 87 a Roma, sabato 21 ottobre 2017 dalle ore 18.

Per ogni immagine iscritta al contest, il concorrente versa a Beautiful After Breast Cancer Italia Onlus un contributo di 10 euro, utilizzato per diffondere le possibilità di ricostruzione.