Festa del sacrificio, l’AIDAA al presidente Tajani: l’Europa vieti i massacri in nome di Dio

MeteoWeb

Occorre un impegno formale del parlamento Europeo oltre che di quelli nazionali per fermare una volta per tutte l’orribile rito delle macellazioni rituali a sfondo religioso da qualunque parte provengano e in onore di qualunque Dio vengono praticate”. Questo l’appello del presidente di AIDAA Lorenzo Croce al presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani dopo la celebrazione della festa islamica del sacrificio che solo in Italia ha portato allo sgozzamento di 400.000 animali su un totale di oltre 8 milioni di animali sgozzati nei soli paesi dell’Unione Europea nel corso dei tre giorni della festa del sacrificio. “In Europa quasi tutti i paesi ammettono questo massacro di animali e questo spargimento di sangue che spesso avviene in violazione delle stesse leggi nazionali che normano la macellazione rituale– scrive ancora Croce a Tajani- basti pensare che in Italia ci sono segnalazioni di decine di macellazioni fatte in maniera irregolare nelle case e nei giardini di proprietà a cui avrebbero partecipato persino i bambini obbligati ad assistere al taglio delle gole dei capretti, un orrore a cui occorre porre fine“. Croce chiede al presidente Tajani una discussione parlamentare europea per dare un orientamento contro tutte le macellazioni rituali a partire da quella musulmana.